Lesione assonale diffusa: sintomi, cause e conseguenze

Lesione assonale diffusa: sintomi, cause e conseguenze

Ecco cosa si intende per lesione assonale diffusa, quali sono i sintomi e quali le possibili conseguenze di questa condizione.

La lesione assonale diffusa (DAI, dall’inglese “Diffuse Axonal Injury”) è una lesione provocata da un trauma cranico grave, una lesione che, invece di verificarsi di una determinata zona (come nel caso della lesione cerebrale focale), interessa un’area più estesa. Questo tipo di condizione rappresenta una delle più comuni lesioni cerebrali traumatiche, e può comportare un’interruzione permanente e irreversibile degli assoni che collegano le cellule nervose, che automaticamente risulteranno danneggiate. Le cause più comuni della lesione assonale diffusa sono delle cadute e degli incidenti automobilistici (come quello recentemente avvenuto al giovane pilota della Marussia, Jules Bianchi).

Durante questo tipo di incidenti, il cervello si muove avanti e indietro nel cranio, provocando appunto un danno a livello degli assoni. Come risultato di tale danno, le cellule cerebrali possono morire.

I sintomi del danno assonale diffuso consistono in primo luogo in una perdita di coscienza che dura per più di 6 ore. Una persona con un danno assonale diffuso lieve o moderato può risultare cosciente, ma mostrerà altri segni del danno cerebrale, a seconda di quale area del cervello è stata colpita.

Se il paziente ha subito un lieve danno assonale diffuso ed è cosciente, verrà esaminato mediante delle domande volte a verificare la sua capacità cognitiva. I test che verranno eseguiti per determinare la gravità della lesione includeranno Imaging a risonanza magnetica (Magnetic Resonance Imaging, MRI), TAC, Elettroencefalogramma (EE, ovvero il test misura l’attività elettrica nel cervello) e così via.

In caso di lesione assonale diffusa saranno intraprese le misure immediate per ridurre il gonfiore all’interno del cervello del paziente. Non esiste al momento una terapia specifica, per cui i medici cercheranno di stabilizzare il paziente e di limitare l’aumento della pressione intracranica.

Se il paziente ha subito un danno assonale diffuso lieve o moderato, una volta stabilizzate le sue condizioni e una volta che si sarà svegliato potrà intraprendere una fase di riabilitazione, con un programma individualizzato. In caso di forme lievi e moderate di danno assonale diffuso, il recupero è possibile. Circa il 90% dei sopravvissuti con grave danno assonale diffuso rimane tuttavia incosciente, e le condizioni di coloro che si svegliano sono generalmente molto compromesse.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

via | Brainandspinalcord.org, Braininjuryinstitute.org

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog