Lo stress aumenta il rischio di malattie cardiache nella donna

Lo stress aumenta il rischio di malattie cardiache nella donna

Lo stress fa male al cuore, ma in modo diverso per uomini e donne! Ecco cosa emerge da una nuova ricerca.

Le malattie cardiache colpiscono generalmente più uomini che donne, ma a partire dai 50 anni di età, le probabilità di sviluppare questo tipo di malattie sono simili per entrambi i sessi. Adesso un nuovo studio vuole approfondire il legame che vi è fra l’eccessivo stress ed il rischio di compromettere la salute del cuore. Il nuovo studio in questione è quello condotto dai membri del Duke University Medical Center del North Carolina, dal quale emerge che le donne risponderebbero in effetti in maniera diversa agli stress, mettendo appunto a rischio la salute del cuore.

Per giungere a tale conclusione, gli esperti hanno esaminato un campione di 56 donne e di 254 uomini con diagnosi di malattia di cuore. A tutti i partecipanti sono stati assegnati tre compiti mentalmente stressanti, seguiti da un test sul tapis roulant.

Durante tutte le prove i partecipanti sono stati monitorati con una ecocardiografia, per studiare i cambiamenti avvenuti nel cuore, inoltre sono stati anche prelevati dei campioni di sangue da ciascun partecipante.

Ebbene, stando a quanto emerso dallo studio, pubblicato sul Journal of American College of Cardiology, sembra che – messe sotto stress – le donne con malattie cardiache sperimenterebbero delle complicazioni più gravi rispetto a quelle manifestate dagli uomini.

Nello specifico, mentre gli uomini sotto stress mostravano dei cambiamenti nella pressione sanguigna e nella frequenza cardiaca, per le donne aumentava il rischio di ischemia miocardica, ovvero una riduzione del flusso di sangue al cuore, ed aumentavano inoltre le emozioni negative. Le donne sottoposte a fattori di stress mostravano peraltro i primi segni della formazione di coaguli sanguigni, un processo noto come ‘aumentata aggregazione piastrinica’, processo che può portare a un attacco di cuore.

Alla luce di quanto emerso, i medici dovrebbero tener conto del fatto che le donne sono spesso soggette a stress maggiori rispetto agli uomini, e quindi dovrebbero trattare le pazienti in maniera più consapevole.

“Il rapporto tra stress mentale e le malattie cardiovascolari è ben noto. – spiegano infatti gli esperti – Questo studio ha rivelato che lo stress mentale influisce sulla salute cardiovascolare degli uomini e delle donne in modo diverso. Dobbiamo riconoscere questa differenza nel valutare e trattare i pazienti per le malattie cardiovascolari. A questo punto, ulteriori studi saranno necessari per verificare le differenze di sesso nelle risposte del cuore allo stress mentale”.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

via | News-medical.net

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog