FSH, estradiolo, LH, progesterone: i valori che annunciano la menopausa

FSH, estradiolo, LH, progesterone: i valori che annunciano la menopausa

Quando una donna sta per entrare in menopausa, e comincia ad avere i tipici sintomi, il medico prescrive alcuni dosaggi ormonali, vediamo quali sono con i valori di rferimento

FSH, LH, estradiolo e progesterone non sono sigle e termini “misteriosi”, ma gli ormoni che si devono controllare quando una donna comincia ad avvicinarsi all’età della menopausa o sospetta un climaterio precoce, anticipato.
In genere, infatti, la fase della vita femminile in cui cessa l’attività ovarica e quindi la possibilità di concepire un figlio, si annuncia con una serie di sintomi e dura qualche tempo, persino diversi anni.

La fertilità femminile, come ogni donna sa fin dalla pubertà, è infatti limitata nel tempo, perché le ovaie possono produrre un numero preciso di ovuli, e quando la riserva finisce, si conclude anche l’età feconda della donna. In questo naturale ciclo vitale non c’è nulla di “malato”, di preoccupante, si tratta, invece, di un fenomeno fisiologico che non deve in alcun modo spaventare, e neppure essere vissuto con sofferenza, con imbarazzo.

La menopausa, semplicemente, comporta dei cambiamenti fisici e in parte psicologici, legati al “contraccolpo” della cessata produzione ormonale che vanno conosciuti e gestiti con lungimiranza e serenità. Per prima cosa, quando una donna abbia superato i 45 anni (o anche prima se parliamo di menopausa precoce), in genere comincia a sentirsi “strana”, a percepire delle modifiche nel proprio corpo e soprattutto nel proprio ciclo mestruale.

Le mestruazioni diventano irregolari, sovente ravvicinate (polimenorrea), oppure diluite nel tempo, con “salti” di due-tre mesi tra un flusso e l’altro (oligomenorrea). A questi segnali si associano le tipiche “vampate”, una tendenza ad accumulare peso nella regione addominale, secchezza vaginale, irritabilità.

Sintomi che si possono “tenera a bada” anche con i rimedi naturali, con l’alimentazione e con l’attività fisica regolare. Ma prima di tutto questo, è necessario appurare di trovarsi in una fase di climaterio, ovvero quella che precede la menopausa vera e propria, e quindi recarsi dal proprio ginecologo, raccontare i sintomi, e sottoporsi ai dosaggi ormonali di rito. Ecco quali sono con i valori di riferimento:

  • FSH, ormone follicolo-stimolante: si occupa di stimolare la produzione degli ovociti da parte delle ovaie, e si misura tra il 3° e il 5° giorno del ciclo (dalla mestruazione). I valori sono normali se arrivano fino a 12, considerando che aumenta con l’età
  • LH, ormone luteinizzante: aumenta ella fase ovulatoria fino a raggiungere il picco di 20 mUI/ml. Una donna fertile ha i due valori – FSH e LH – più o meno uguali
  • Estradiolo (17-beta-estradiolo o E2): si misura tra il 3° e il 5° giorno del ciclo e aumenta con lo sviluppo follicolare, raggiungendo il massimo quando il follicolo è maturo (di norma 200 pg/ml)
  • Progesterone: ci dice se l’ovulazione è avvenuta. Il dosaggio di questo ormone si effettua al 21° giorno del ciclo e se il valore è superiore a 5 ng/ml conferma che l’ovulazione c’è stata, mentre valori inferiori sono sintomatici di una insufficienza ovarica o dell’arrivo della menopausa

Foto| via Pinterest

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog