Novartis e Roche: maximulta dell’Antitrust per presunto accordo a danno dei malati

Novartis e Roche: maximulta dell’Antitrust per presunto accordo a danno dei malati

L'Antitrust ha inflitto una multa pesante alle Case farmaceutiche Novartis e Roche per aver immesso in commercio due farmaci uguali a prezzi diversi

L’Antitrust ha deciso di infliggere una pesante multa di 180 milioni di euro alle due multinazionali farmaceutiche Novartis e Roche per aver immesso in commercio due farmaci sostanzialmente identici, venduti a prezzi del tutto differenti: Lucentis e Avastin.

Si tratta di due medicinali originariamente prescritti per malattie diverse: un antitumorale il secondo, e un farmaco contro la degenerazione maculare il primo. I prezzi? Se per una dose di Avastin si devono sborsare da un minmo di 15€ ad un massimo di 80€, per il Lucentis si può arrivare a spendere 900€. Eppure il principio attivo è assolutamente lo stesso. Come si è arrivati a questo?

Come ha stabilito il Garante dell’Antitrust, le due Case farmaceutiche Novartis e Roche avevano deciso di spartirsi il florido mercato dei due farmaci dopo che un ricercatore italiano, Napoleone Ferrara, presso i laboratori californiani di Genetech, aveva scoperto che il principio attivo già presente nel farmaco Lucentis, era in grado di bloccare il fattore di crescita dei vasi sanguigni, e, quindi, di riuscire a fermare la proliferazione delle cellule cancerose

Tutto questo prima che il principio attivo venisse acquistato anche dalla Roche, che peraltro, per il 33%, è controllata dalla Novartis. A questo punto le due Case farmaceutiche si sono accordate in segreto per frodare i consumatori. In pratica la Roche decide di non registrare il proprio farmaco (Avastin), ma di incassare, o meglio,di spartirsi le royalties derivanti dalla vendita del Lucentis (che come abbiamo visto viene immesso sul mercato a prezzi elevatissimi), contrastando la vendita, come farmaco salva-vista (destinato soprattutto ai malati anziani) dell’omologo Avastin, molto meno costoso.

I due gruppi si sono accordati illecitamente per ostacolare la diffusione dell’uso di un farmaco molto economico, Avastin, nella cura della più diffusa patologia della vista tra gli anziani e di altre gravi malattie oculistiche, a vantaggio di un prodotto molto più costoso, Lucentis, differenziando artificiosamente i due prodotti

Si legge nel testo del Garante. Una truffa che l’Antitrust ha scoperto e deciso di punire con una multa salatissima. Secondo le accuse, infatti, Roche e Novartis avrebbero boicottato anche tutte le ricerche volte a dimostrare l’equivalenza dei due farmaci, cosa che avrebbe avuto pesanti ripercussioni sulle spese del Servizio Sanitario Nazionale e, naturalmente sui malati. I due colossi farmaceutici si difendono affermando che si tratta di due medicinali differenti, che curano malattie diverse, e che, pertanto, intendono ricorrere al TAR

 

 

Foto| via Pinterest

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog