La riabilitazione dal Parkinson: come funziona e in quali Centri in Italia

La riabilitazione dal Parkinson: come funziona e in quali Centri in Italia

Come si cura il morbo di Parkinson nei Centri di riabilitazione, e dove si trovano in Italia? Scopriamolo

Per tenere sotto controllo il morbo di Parkinson la tarapia farmacologica non basta, anche la riabilitazione è necessaria per permettere un rallentamento nella progressione della malattia.

Infatti il Parkinson è una patologia degenerativa che colpisce il sistema nervoso centrale, cronica e incurabile, che lentamente porta ad una perdita del controllo della muscolatura volontaria e, quindi, ad una impossibilità di compiere anche i movimenti più semplici.

La malattia è genetica, secondo gli ultimi studi, infatti, i geni deficitari coinvolti nell’insorgenza del Parkinson sono almeno 13-14, ma perché il morbo si manifesti sono necessari anche dei fattori scatenanti, i quali, al momento, non sono del tutto chiari. Quello che sappiamo è che, trattandosi di una malattia ereditaria, le persone che nascono in famiglie in cui qualche membro sia stato colpito dal Parkinson, hanno circa il 20% di probabilità in più di ammalarsi a loro volta.

Le cause organiche che portano all’insorgenza del morbo sono legate ad un deficit di dopamina, un recettore che crea i collegamenti tra i le cellule neuronali del cervello. In un’area cerebrale chiamata sostanza nera, negli individui predisposti, ad un certo punto dellla vita – in genere intorno ai 60 anni di età – comincia una vera e propria “moria” di neuroni, i quali non vengono sostituiti e pertanto le loro funzioni si perdono. Ecco che, a distanza di anni dall’inizio di questo processo degenerativo, si manifestano i sintomi tipici della malattia, che comprendono:

  • Tremore a riposo
  • Lentezza nel movimento
  • Rigidità muscolare che interessa anche la muscolatura facciale, tanto che il malato parkinsoniano perde molta della sua mimica e dell’espressività 
  • Difficoltà ad alzarsi dalla sedia e a iniziare  a camminare
  • Disturbi del sonno
  • Talvolta memoria appannata e lentezza nel pensiero

Come anticipato,  dal morbo di Parkinson non si guarisce, ma attraverso la diagnosi precoce e un trattamento mirato e combinato di farmaci e fisioterapia, si può rallentare moltissimo il decorso della malattia consentendo per molti anni al paziente una vita quasi normale.

La terapia farmcologica attualmente prescritta si basa sulla somministrazione di Levodopa (a base di dopamina) e di dopamino-agonisti che servono per mentenere più a lungo nel sangue la concentrazione del principio attivo. Tuttavia, la vera differenza nelle cure la fa la riabilitazione, da momento che stiamo parlando di una malattia che colpisce il sistema motorio e la muscolatura volontaria.

Nei Centri rabilitativi i pazienti vengono guidati a compiere una serie di esercizi che li aiutano ad avere il controllo sui loro movimenti, ovvero a supplire all perdita (irreversibile) dell’automatismo motorio che è tipico delle persone sane. Nello specifico, i sintomi del Parkinson su cui si lavora in modo da contrastarli sono:

  • La camptocormia, ovvero la tipica tendenza a “cadere” in avanti
  • La perdita dell’equilibrio con il rischio di cadute
  • Il freezing, ovvero i piedi che si “incollano” al pavimento

I trattamenti riabilitativi prevedono cicli mensili con esercizi da fare tutti i giorni, spesso con l’ausilio di strumenti come il tapis roulant, che vengono poi insegnati in modo che il malato possa ripeterli anche in casa. In alcuni Centri per la riabilitazione del Parkinson molti esercizi vengono eseguiti in acqua, con ottimi rsiultati.

In generale il malato parkinsoniano viene anche invitato a compiere specifici movimenti che “mimano” attività casalinghe consuete come il lavarsi, il vestirsi, il fare le scale, eccetera. Tutti gli esercizi ginnici vengono associati ad altri stimoli, sia sonori che visivi (detti “cues“), perché si è sperimentato che aiutano il paziente a svolgerli senza bloccarsi, in modo continuativo. Vediamo ora alcuni Centri di riabilitazione di eccellenza per i malati di Parkinson presenti in Italia:

  • Centro riabilitativo di Montescano (Pavia)
  • Centro Parkinson degli Istituti Clinici di Perfezionamento-ICP (Milano)
  • Centro Parkinson presso l’ICOT di Latina, specializzato in riabilitazione neuromotoria 
  • IRCCS (Istituto Scientifico di Riabilitazione) Fondazione Maugeri di Milano

 

 

 

Foto| via Pinterest

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog