Vacanze e tensioni in famiglia e tra amici: come evitarle

amiciDi recente si parlava di come una vacanza con il proprio partner possa essere più stressante del quotidiano lavoro a contatto con il capo più esigente ma le tensioni familiari in vacanza sono in agguato a tutti i livelli, pronti a rovinarci le ferie.

Il medesimo problema si presenta anche quando si parte con gli amici. La prima cosa da chiarire è quali sono le aspettative del viaggio e quali le abitudini di vacanza. Inutile partire con chi vuole godersi solo il mare da mattina a sera se voi volete girare per antichità sotto il sole cocente. Meglio accordarsi prima anziché mettere il muso dopo.

Stabilite dei turni chiari per le incombenze domestiche se avete una casa al mare o in montagna o ne affittate una, ma anche per dividere le varie rogne da sbrigare tra hotel, trasferimenti, noleggi. Meglio che appioppare ad una sola persona tutta l’organizzazione. Ve ne vorrà a male e ve la farà pagare.

Qualche compromesso e qualche piccolo sacrificio tocca a tutti e le decisioni su come suddividersi nelle camere, sull’uso dei servizi, su chi deve guidare e via dicendo vanno prese tutti insieme, senza prevaricazioni o decisioni sottintese che escludano l’uno o l’altro.

Stabilite con chiarezza chi paga cosa e come, quando rimborsare i soldi a chi li ha anticipati, senza inutili rimandi, come gestire le cene fuori, come organizzare la spesa. Meglio incontrarsi prima di partire per stabilire budget generale e un piano approssimativo della vacanza, per evitare sorprese a chi sperava di risparmiare un po’ e si ritrova con un salasso.

Siate flessibili e tolleranti, ognuno ha le sue abitudini e se possono risultare irritanti non siate troppo rigidi. Pensate che le vostre possono fare lo stesso effetto. E soprattutto, mantenete sempre alto il senso dell’humour, per sdrammatizzare le situazioni prima che la tensione monti.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail