Psicologia, gli spazi verdi fanno bene alla mente

Psicologia, gli spazi verdi fanno bene alla mente

Gli spazi verdi possono ridurre il rischio di depressione. Ecco cosa dimostra una ricerca

Il “verde” fa bene alla psiche, ed a dimostrarlo sarebbe stato un recente studio, condotto dai membri dell’Università di Exeter, e pubblicato sulle pagine della rivista Environmental Science & Technology. Secondo gli esperti, sembrerebbe infatti che gli spazi verdi possano ridurre in maniera considerevole i sintomi della depressione, considerata a tutti gli effetti una delle più comuni cause di disabilità nel mondo. Proprio per questa ragione, i Governi dovrebbero incrementare la realizzazione di spazi verdi all’interno delle città (come parchi e giardini), al fine di ridurre una patologia invalidante come è la depressione

Per giungere a tale conclusione, i ricercatori si sarebbero basati sui dati del “British Household Panel Survey”, ed avrebbero analizzato i dati emersi in relazione a un campione di 1000 persone, per un periodo di cinque anni. Dai dati raccolti sarebbero emersi sostanzialmente due gruppi, ovvero quello che comprende le persone che si sono spostate in aree urbane più verdi, e quello che comprende invece le persone che si sono trasferite in aree urbane con meno “verde”.

 

Ebbene, stando a quanto emerso, coloro che si trasferiscono in posti che includono ampi spazi verdi, si sentirebbero meglio rispetto a coloro che invece non hanno avuto la stessa fortuna. Ed i benefici in termini di salute mentali si registrerebbero anche a distanza di diversi anni dal trasferimento!

 

“Avevamo bisogno di rispondere a importanti domande su come gli effetti degli spazi verdi variano nel tempo. – ha fatto sapere in proposito il dottor Mathew Bianco – Le persone sperimentano un effetto novità godendo del trasloco nella nuova area verde. Ma poi l’effetto svanisce? Quello che abbiamo scoperto suggerisce che i benefici per la salute mentale degli spazi verdi non sono solo immediati, ma sostenibili per lunghi periodi di tempo.”

 

via | Exeter.ac.uk

Foto | da Pinterest di Teresa Soares

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog