I sintomi delle polinevriti carenziali e le possibili cure

La polinevrite carenziale è una malattia di tipo neurologica, un'infiammazione del sistema nervoso periferico. Si differenziano dalle multinevriti, per la sistematicià del danno neurologico.

polinevriti carenziali

Con il termine polinevrite si intende un particolare tipo di malattia neurologica, che è provocato da un interessamento infiammatorio del sistema nervoso periferico. E' bene tenere ben distinte le polinevriti e le multinevriti, che si differenziano in maniera profonda per il danno neurologico che sono in grado di creare nell'individuo che ne dovesse eventualmente soffrire

In caso di pazienti che soffrono di multinevrite, infatti, è possibile individuare radici e tronchi nervosi che sono stati colpiti dalla malattia, attraverso l'esame neurologico, capendo così la zona danneggiata, mentre nelle polinevriti questo non è possibile.

In caso di polinevriti, infatti, il danno neurologico si presenta in maniera assolutamente simmetrica negli arti ed è maggiore nelle porzioni distali. Questa patologia può colpire tutte le fibre nervose, mentre è bene ricordare che le polinevriti hanno un'eziologia tossica o carenziale, ma possono anche combinare entrambe le cause, come accade, ad esempio, in caso di polineuropatia alcolica. Le cause principali possono essere intossicazioni, abuso di alcol o di farmaci, malattie infettive, diabete, malnutrizioni.

Le polinevriti e le nevriti si manifestano con sintomi diversi a seconda della zona colpita: possiamo notare, infatti, disturbi sensoriali e motori, problemi sensoriali, dolore anche molto intenso e persino parestesie e atrofia dei muscoli.

Per curare le polinevriti carenziali si possono assumere dei farmaci a base di vitamina B1, B6 e B12 per poter risolvere lo stato di carenza che potrebbe aver provocato problemi a livello neurologico.
Via | Medicinasalute

Foto | da Flickr di ignatieff

  • shares
  • Mail