I sintomi del tumore al cervello e quali terapie sono efficaci

I sintomi del tumore al cervello e quali terapie sono efficaci

Un tumore al cervello può essere benigno o maligno, a lento o a rapido accrescimento. Scopriamo i sintomi e le cure possibili

Di tumori al cervello primari (quindi non metastatici da altre neoplasie sviluppatesi in organi diversi) ne esistono di tanti tipi, e solo alcuni sono davvero pericolosi in quanto maligni.

L’insorgenza di queste neoformazioni è spesso asintomatica per anni, soprattutto se parliamo di tumori a lento accrescimento,  ma una volta raggiunte dimensioni considerevoli, in genere producono disturbi più o meno invalidanti a seconda dell’area cerebrale in cui si sviluppano.

I principali tipi di tumori cerebrali sono i gliomi, una composita famiglia di neopalsie che a loro volta si distinguono in astrocitomi, oligodendrogliomi e ependimomi a seconda che si sviluppino nelle diverse cellule gliali, quelle che fungono da supporto del sistema nervoso centrale. Altri tipi di tumori al cervello sono i medulloblastomi (tumori maligni che insorgono in età pediatrica), i meningiomi e i neurinomi che sono in genere benigni.

Come si manifestano questi tumori? Come anticipato, dipende dalla zona di accrescimento e dal tipo di cellule cerebrali colpite. In linea di massima, soprattutto in fase iniziale, le neoplasie cerebrali danno sintomi sfumati, che si accentuano man mano che il tumore cresce. Ecco i segnali d’allarme generali da non trascurare:

  • Cefalea o emicrania intensa che aumenta con gli sforzi e i movimenti e che si manifesta spesso nelle prime ore del mattino
  • Crisi epilettiche
  • Nausea e vomito a digiuno
  • Cambiamenti dell’umore repentini e immotivati
  • Disturbi visivi 

A seconda dell’area cerebrale di insorgenza del tumore, ci sono poi altri sintomi più specifici tra cui:

  • Perdita dell’equilibrio,  vertigine e disturbi nella deambulazione per i tumori del cervelletto
  • Debolezza o paralisi muscolare in associazione ad un annebbiamento delle capacità di giudizio e a rallentamento delle facoltà intellettive per i tumori del lobo frontale
  • Cecità o perdita parziale della vista nei tumori che interessano il lobo occipitale
  • Dficit mnemonici, difficoltà del linguaggio, deficit auditivi, alterazioni dell’umore, difficoltà ad articolare i discorsi e aggressività per i tumori del lobo temporale
  • Perdita della capacità di guardare verso l’alto per il tumore pineale
  • Aumento delle dimensioni di mani e piedi, iperprolattinemia con secrezione di latte nei capezzoli (in uomini e donne) e alterazioni mestruali nei tumori dell’ipofisi
  • Perdita di sensibilità del braccio o di tutto il lato del corpo corrispondente ad un tumore del lobo parietale (destro o sinistro)

Come si cura il tumore al cervello? Per le neoformazioni maligne, e spesso anche benigne, la soluzione chirurgica, laddove possibile, è quella più indicata. Nei tumori maligni sovente si procede ad un ciclo di radio o chemio terapia per ridurre le dimensioni della neoformazione prima di rimuoverla chirurgicamante. Tuttavia, se il tumore ha un’accentuata malignità, come ad esempio sono i glioblastomi, la prognosi è spesso infausta anche perché sono forme cancerose facili alle recidive, spesso più aggessive delle precedenti.

 

 

 

 

 

Foto| via Pinterest

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog