Globuli rossi: cosa sono, a cosa servono e cosa significa se sono troppo piccoli

I globuli rossi, che possono essere chiamati anche eritrociti, sono delle cellule del sangue, che trasportano l'ossigeno dai polmoni verso i tessuti e l'anidride carbonica nel percorso inverso.

globuli rossiheight="375" class="alignleft size-blogoextralarge wp-image-50917" />

I globuli rossi sono delle cellule del sangue prive di nucleo, che hanno una forma discoidale biconcava e sono prodotti dal midollo osseo tramite eritropoiesi, un meccanismo che si ottiene con l'aiuto di una proteina, chiamata eritropoietina. Il ruolo dei globuli rossi è quello di trasportare l'ossigeno dai polmoni verso tutti i tessuti del corpo e di trasportare l'anidride carbonica dai tessuti verso i polmoni.

I globuli rossi, che hanno una vita media di 120 giorni, vengono distrutti al termine del loro percorso dalla milza, tramite il processo di eritrocateresi o emocateresi: dopo questo processo vengono ricavati ferro, eme ed emoglobina. Ogni giorno si generano 150 milioni di globuli rossi al minuto.

Si definiscono normociti i globuli rossi con dimensioni normali, microciti i globuli rossi piccoli e macrociti i globuli rossi grandi. Globuli rossi di dimensioni minori possono indicare possibile carenza di ferro o talassemia. Si differenziano anche dal colore, in eritrociti normocromici, di tonalità normale, ed eritrociti ipocromici, più chiari.

Gli indici eritrocitari, invece, ci permettono di valutare l'adeguatezza dei globuli rossi: si valutano per valore corpuscolare medio, per emoglobina corpuscolare media, per concentrazione corpuscolare media, per ampiezza di distribuzione dei globuli rossi e con l'indice di distribuzione della concentrazione di emoglobina.

Un aumento dei valori dei globuli rossi di norma (valori normali nella donna sono compresi tra 3,9 e 5,2 Mil/µl, nell'uomo tra 4,4 e 5,6 Mil/µl) possono essere ricondotti all'altitudine, ad alcuni farmaci, ma anche ad insufficienza respiratoria, nefropatie, policitemia, shock, stress, talassemia, ustioni. Una diminuzione dei valori, invece, può essere ricondotta ad anemie aplastiche, carenziali ed emolitiche, ma anche ad emorragia.

Foto | da Flickr di a_mason

Via | Albanesi

  • shares
  • Mail