I ricostituenti naturali e omeopatici come si assumono?

I ricostituenti naturali e omeopatici come si assumono?

Per recuperare velocemente una buona forma fisica in caso di convalescenza, stress, debolezza e astenia, ecco i ricostituenti naturali e omeopatici più indicati

Assumere ricostituenti, soprattutto naturali o omeopatici, può essere molto utile in alcuni momenti della vita. Ad esempio in convalescanza, dopo una malattia particolarmente debilitante che ci abbia messo “ko”, durante l’adolescenza, in caso di anemia, stanchezza e stress.

Parliamo di prodotti che non necessitano di prescrizione medica perché non sono farmaci, ma solo sostanze che ci aiutano a recuperare l’energia “perduta” e a colmare il nostro fabbisogno calorico più rapidamente ed efficacemente del solo cibo.

Vediamo qualche integratore energetico adatto a tutti che possiamo facilmente trovare in farmacia o nelle erboristerie. Cominciamo con un vero e proprio classico tra i ricostituenti naturali, che probabilemte tutti, in alcuni momenti della vita, abbiamo assunto: il ginseng in associazione alla pappa reale. Troviamo questi preparati in comode fialette di cui se ne assumerà una al giorno.

La pappa reale è un eccellente ricostituente anche da solo, così come lo sono le capsule di ginseng. Per quanto riguarda la prima, la dose è di mezzo grammo da assumersi ogni mattina a digiuno per almeno un mese. E’ efficace per rinforzare il sistema immunitario, potenziare il tono muscolare e la circolazione, stimolare l’appetito, disintossicare il fegato e i reni e infine migliorare anche l’umore. 

Altro integratore fitoterapico utile per contrastare debolezza e astenia è l’eleuterococco, una sorta di ginseng che si addice particolarmente alle donne e alle loro esigenze. Da assumersi al mattino e a digiuno, nel dosaggio di 50 gocce diluite in poca acqua. Eccellente ricostituente indicato soprattutto nei cambi di stagione èa nche il lievito di birra,ricco di vitamine del gruppo B e minerali.

Da assumersi in compresse (anche masticabili) secondo un dosaggio che varia da confezione a confezione. Basta comunque attenersi alle indicazioni del bugiardino. Per quanto riguarda i ricostituenti omeopatici, ecco una lista dei più indicati in caso di affaticamento generale, depressione, stanchezza e deficit energetici:

  • Kali Phosphoricum alla 30 Ch (2 granuli)
  • Alfalfa (o erba medica) alla 4 CH (2 granuli la sera)
  • Sulfur alla 200 CH (1 sola dose)
  • Cocculus  alla 200 CH (1 dose)
  • China alla 30 CH (2 granuli), ideale dopo il parto e durante l’allattamento

 

 

 

 

Foto| via Pinterest

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog