Gaviscon advance, posologia e controindicazioni

Gaviscon advance, posologia e controindicazioni

Il Gaviscon advance è un farmaco utilizzato per combattere l'acidità di stomaco e il reflusso gastroesofageo. Vediamo come e quando si assume

Il Gaviscon advance è un farmaco antiacido comunemente usato da chi soffre di bruciori di stomaco (pirosi gastrica) e reflusso gastroesofageo. Il Gaviscon è in genere ben tollerato, e agisce attraverso l’azione dei suoi principi attivi – il sodio alginato e il potassio bicarbonato – sul PH delle screzioni gastriche.

Questo farmaco è anche indicato, ma solo dietro prescrizione medica, in gravidanza, per alleviare i disturbi digestivi, i bruciori alla bocca dello stomaco e i rigurgiti acidi, con nausea, che sovente affliggono le mamme in attesa.

Altre condizioni in cui assumere Gaviscon può sortire effetti benefici sono il soffrire di ernia iatale – che non a caso è spesso all’origine del reflusso gastroesofageo e delle conseguenti esofagiti – di gastrite o l’essere reduci da interventi di chirurgia gastrica. Naturalmente il medicinale agisce sui sintomi, non sulle cause del bruciore di stomaco, quindi va preso all’occasione per cercare sollievo all’iperacidità gastrica, ma non per curare il problema all’origine.

Possiamo trovare questo anti-acido da banco nelle farmacie in diversi formati, tra cui le compresse effervescenti, ma nel caso del Gaviscon advance si fa riferimento alla sospensione orale, una soluzione abbastanza densa simile al latte che si ingerisce dopo i pasti oppure prima di andare a letto (in caso di reflusso). Le dosi consigliate vanno dai 5 ai 10 ml. Gaviscon advance agisce sul PH del materiale gastrico interagendo con i succhi gastrici (che sono acidi) ma senza impedire che le normali funzioni digestive vengano inibite. 

Le controindicazioni all’uso di Gaviscon sono davvero minime, in genere è ben tollerato, ne è preclusa l’assunzione solo ai minori di 12 anni. Come anticipato, si può assumere senza problemi anche in gravidanza, a patto di avvisare il proprio medico e soprattutto a patto di non eccedere, perché si tratta comunque di un farmaco. Ci sono, però, delle caratteristiche relative alla composizione di Gaviscon che vanno tenute in considerazione.

Il medicinale contiene, infatti, ben 106 mg di sodio per 10 ml di prodotto, per fortuna bilanciate da 78 mg di potassio, ma contiene altresì ben 200 mg di carbonato di calcio. La forte concentrazione di questi minerali deve portare ad usare Gaviscon con cautela, e solo all’occorrenza, per chi soffra di ipersodiemia, di calcolosi renale e di ipercalciemia

Foto| via Pinterest

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog