Gli oli da massaggi: le basi – l’olio di girasole



La differenza tra i vari tipi di oli vegetali (ricavati soprattutto dai semi e quindi chiamati anche oli di semi) riguarda principalmente la composizione in acidi grassi. La maggior parte degli oli vegetali contiene in prevalenza grassi mono e polinsaturi, e pochi grassi saturi, ad eccezione degli oli tropicali che contengono una grossa percentuale di grassi saturi.

Per quanto riguarda gli oli da massaggi, questi sono spesso costituiti da miscele tra oli e piante aromatiche. Tra gli oli base possiamo trovare l’olio di semi di girasole e l’olio di germe di grano.

L’olio di semi di girasole è estratto dai semi di Helianthus annuus. E’ liquido a temperatura ambiente, trasparente con colore ambrato ed un leggero odore grasso.

Contiene una percentuale molto elevata di grassi polinsaturi, in particolare l’acido linoleico (fino al 75%) ed una notevole quantità di Vitamina E. Tale acido, costituente anche la Vitamina F che non viene prodotta dall'organismo, è indispensabile per la formazione della membrana cellulare, la mantiene fluida, conserva l’elasticità delle pareti delle arterie, mantiene fluido il sangue, modula l’attività del sistema immunitario, aiuta a mantenere basso il colesterolo, equilibra la pressione e svolge un importantissimo ruolo per il corretto funzionamento della tiroide, della ghiandola surrenale, delle mucose e dei nervi.

Grazie a questa vitamina la pelle rimane liscia e vellutata, mentre la sua carenza la rende squamosa, secca e rugosa.

In cosmetica l’olio di girasole agisce da rigenerante delle cellule dell’epidermide; ha un alto potere emolliente, rinfrescante ed idratante; è un riequilibrante della pelle caratterizzata da sensibilità cutanea ed irritazioni, pertanto costituisce una base ideale per i trattamenti cosmetici ed estetici dei diversi tipi di pelle.

  • shares
  • Mail