L’invecchiamento è ereditario e dipende dai geni materni

L’invecchiamento è ereditario e dipende dai geni materni

Una ricerca rivela che l'età che dimostriamo è dovuta al Dnatrasmesso dalla madre

Invecchiare è tutta una questione di genetica, ed a renderlo noto ci avrebbe pensato uno studio condotto dai ricercatori del Karolinska Institutet e dell’Istituto Max Planck, secondo cui, quando invecchiamo, ad entrare in gioco sarebbe anche il materiale genetico che ognuno di noi eredita dalla propria madre. Ebbene si, oltre a tutti i fattori che possono provocare l’invecchiamento (stress, fumo, cattiva alimentazione, e così via …), anche il DNA ricopre un ruolo fondamentale, come spiega il professor Nils-Göran Larsson del Karolinska Institutet, secondo cui a rivestire un ruolo importantissimo sarebbe il Dna dei mitocondri, corredo genetico che viene passato esclusivamente dalle madri ai figli

“Con estrema sorpresa abbiamo scoperto che il dna mitocondriale di nostra madre sembra influenzare il nostro invecchiamento. Se da nostra madre ereditiamo Dna mitocondiale danneggiato, – avrebbe spiegato il professor Nils-Göran Larsson – invecchiamo più velocemente. È dunque importante ridurre il numero di mutazioni”. Ma in che modo possiamo ridurre il numero di mutazioni? Gli studiosi fanno sapere che per farlo, sarebbe innanzitutto importante ridurre proprio i cambiamenti genetici, cercando di condurre uno stile di vita sano.

 

Mettendo in pratica i semplici consigli per uno stile di vita davvero sano, non solo faremmo un favore a noi stesse, ma anche ai nostri futuri figli. Ma non è tutto.

 

Secondo quanto riportato dallo studioso Barry Hoffer, pare infatti che anche gli interventi terapeutici “che alterano le funzioni mitocondriali potrebbero influenzare il decorso dell’invecchiamento. Ad esempio, gli antiossidanti riducono la tossicità mitocondriale”.

 

Foto | da Pinterest di Karen Gremp

via | Corriere

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog