La dieta post colecistectomia e quali alimenti evitare per stare meglio

La dieta post colecistectomia e quali alimenti evitare per stare meglio

Dopo l'intervento di asportazione della colecisti, cosa bisogna mangiare? Scopriamolo insieme

La colecistectomia è un intervento di rimozione della colecisti, o cistifellea, un piccolo organo a forma di sacchetto in cui si riversa la bile prodotta dal fegato in attesa di essere convogliato verso il duodeno.

La bile, a sua volta, è una sostanza necessaria per il metabolismo dei grassi, in particolare del colesterolo, ma il suo compito non cessa nel momento in cui la colecisti venga asportata, semplicemente dal fegato passa direttamente al duodeno attraverso i dotti biliari.

In genere questo intervento si effettua quando ci siano calcoli biliari che possono creare disturbi digestivi, forti dolori (coliche), e persino infiammazioni come la colecistite acuta. In ogni caso, l’operazione, che si effettua in laparoscopia, non è tale da creare problemi futuri, e, anzi, dal momento che la cistifellea non è un organo fondamentale, spesso chi in passato soffriva di disturbi della digestione, potrebbe provare un certo sollievo dopo l’intervento.

Per quanto riguarda la dieta da seguire dopo la colecistectomia, essa deve essere modificata solo per poco tempo, fino a quando l’organismo non si abitui alla nuova condizione. Quindi, per i primi tempi dopo l’intervento, l’alimentazione dovrà essere povera di lipidi (grassi) e ricca di fibre, per aiutare tutto il processo digestivo.

Quindi meglio eliminare cibi molto conditi, ricchi di grassi saturi soprattutto di origine animale, condimenti come il burro e lo strutto, gli insaccati e i formaggi più stagionati. Meglio frazionare i pasti in modo da agevolare la digestione e puntare su frutta e verdura e tanta acqua.

Infatti tra le conseguenze dell’asportazione della colecisti, c’è una maggiore prediposizione a soffrire di diarrea o di stipsi, per questo motivo biosogna limitare i cibi irritanti, tra cui anche il caffè e il cioccolato, i latticini, l’alcool e le bibite gassate.

Per ritrovare in breve tempo la funzionalità gastro-intestinale, scegliete cibi leggeri, fette biscottate e cereali secchi, riso, banane, pasta. Dopo il primo periodo post operatorio, è bene reintrodurrre le fonti proteiche animali e i grassi in modo graduale, e, ogni tanto, seguire una bella dieta depurativa e disintossicante per il fegato, in cui abbondino verdure amare come il carciofo e gli asparagi che stimolano la secrezione biliare.

 

 

Foto| Getty Images

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog

Lo spreco alimentare nella giornata mondiale della terra