Pet Therapy con foche e leoni marini per curare l'autismo



Si tratta del primo esperimento del genere in Europa, nato dall’incontro delle esperienze nella Pet Therapy del gruppo di lavoro guidato da Davide Moscato, professore di Neuropsichiatria infantile dell’Università di Roma, responsabile del Centro cefalee dell’ospedale San Carlo-IDI (Istituto Dermopatico dell’Immacolata IRCCS – Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico) e dell’esperienza ventennale di Zoomarine (Portogallo), riconosciuto a livello internazionale per gli alti standard qualitativi nella gestione dei mammiferi marini.

La Terapia Assistita dagli Animali (TAA), della durata di un anno, rivolta a bambini tra gli 8 ed i 14 anni affetti da autismo, ha iniziato a muovere i primi passi lo scorso aprile presso la “Baia dei pinnipedi”, una delle aree zoologiche del parco che conta 13 esemplari tra foche e leoni marini di varie specie.

Secondo gli scienziati, se il soggetto autistico tende a chiudersi in sé stesso, l’incontro con animali che ai suoi occhi appaiono stupefacenti, come per esempio un leone marino di 400 kg, potrebbe aiutarlo ad uscire dall’isolamento. In questo modo i bambini coinvolti potranno vivere esperienze intense e insolite di forte impatto emotivo.

Le specie coinvolte sono: leone marino californiano, sudafricano, sudamericano e foca grigia.

Come ha dichiarato il direttore generale di Zoomarine Italia Stefano Cigarini "questo progetto di Pet Therapy va nella direzione del più stretto contatto tra uomo e animale, che Zoomarine sviluppa dal 2009 con i tour guidati nelle aree zoologiche (tour delfini, pinnipedi, pappagalli) e che stanno riscuotendo grande interesse da parte di appassionati e visitatori".

Il progetto verrà presentato domani sabato 14 maggio alle 10:30 a Roma, dal presidente dell'IDI Franco Decaminada e dal direttore generale di Zoomarine Stefano Cigarini, durante la sessione di Pet Therapy del Congresso Nazionale sulle cefalee in età evolutiva, che si svolge ogni anno all'IDI, in via dei Monti di Creta 104.

Fonte | IDI

  • shares
  • Mail