Conservazione farmaci in estate, attenzione alle temperature

Farmaci

Conservare i farmaci in un luogo fresco e asciutto, soprattutto in estate, è molto importante, soprattutto in vista dell’arrivo delle alte temperature estive. Ecco cosa dicono gli esperti.

L’importanza della conservazione dei farmaci, in estate come in inverno, viene quasi sempre sottovalutata, ma in realtà si tratta di un problema da non prendere sottogamba, poiché, se conservati in maniera non idonea, i farmaci che dovrebbero farci stare meglio, potrebbero addirittura rivelarsi letali. A lanciare l’allarme, i medici del Delhi Medical Association , che in primo luogo, vogliono ricordarci che i farmaci vanno conservati ad una temperatura che non superi i 25/30 gradi Celsius. Raccomandazione ribadita anche dai farmacisti, ma che fin troppo spesso non viene presa in giusta considerazione.

Se è vero che ogni tipo di farmaco, se conservato a temperature eccessivamente alte, potrebbe non funzionare più a dovere e diventare inutile (per esempio nel caso di pomate di idrocortisone) è altrettanto vero e sicuramente più preoccupante il fatto che alcuni di essi, per il troppo caldo, potrebbero addirittura rivelarsi letali, come spiegano gli stessi esperti.

“Sia la nitroglicerina che l’insulina – spiegano i medici - di solito sono assunte dai pazienti stessi, che hanno bisogno di prenderle quando soffrono di dolori al petto o glicemia alta. Così, una dose danneggiata di queste fondamentali medicine può essere pericolosa per la vita – aggiungono i medici DMA – Un certo degradamento degli antibiotici poi può causare danni allo stomaco o ai reni”.

Detto questo, come fare a comprendere se la qualità di un farmaco è stata alterata? In primo luogo, non dovrete mai assumere nessun farmaco che abbia cambiato colore oppure che presenti una consistenza diversa dal solito. Ciò vale a prescindere dalla data di scadenza.

Inoltre, prima di assumere un farmaco accertatevi che il suo odore non sia diverso dal solito, ed anche che le pillole non si attaccano l’una con l’altra, o appaiano scheggiate, più dure o infine più morbide rispetto al normale.

Un pizzico di attenzione, farà davvero la differenza!

via | La Stampa
Foto da Pixabay

  • shares
  • Mail