Proprietà benefiche della menta

La Menta (Menta piperita L.) è conosciuta sin dai tempi antichi per le sue proprietà. I cinesi ne vantavano da sempre le proprietà calmanti e le sue virtù antispasmodiche. Ippocrate considerava la menta un afrodisiaco, mentre Plinio lodava l’azione analgesica. Gli arabi utilizzano copiosamente ancora oggi la menta nella preparazione di cibi e bevande ritenendola uno stimolante afrodisiaco.

Il genere "mentha" è uno dei più complessi del regno vegetale e la ragione va ricercata nella facilità di ibridizazione spontanea tra le varie specie che producono sempre nuovi ibridi.

Bisogna premettere che ci sono varie specie di menta, le quali pur dimostrando simili proprietà medicinali (dovute alla presenza di un alcol estratto dall’essenza il mentolo) hanno caratteri diversi.

La menta è tonica, antispasmodica e stomachica a livello gastrico-intestinale, carminativa e stimolante. Ha proprietà antisettica e può essere utilizzate in malattie infettive che non hanno bisogno di antibiotici (leggere affezioni respiratorie, coliti e cistiti lievi) e vermifuga. E’ utile contro le grastriti, crampi dello stomaco, duodeniti, coliti, oltre ad essere impiegata come espettorante per faringiti, bronchiti ed asma.

L’infuso di menta viene utilizzato per gargarismi disinfettanti di bocca e gola oltre che per lavaggi decongestionanti del viso utili anche a combattere la pelle grassa.

L’essenza di menta in unione con bicarbonato di calcio e di sodio viene utilizzata per preparare paste dentifricie particolarmente profumate.

In cucina viene molto utilizzata per aromatizzare pietanze ed insalate. E’ preferibile usare le altre mente tralasciando la piperita che è più adatta per liquori bevande e prodotti dolciari.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: