Benessereblog Senza categoria Alimentazione, 10 consigli del nutrizionista per una buona digestione

Alimentazione, 10 consigli del nutrizionista per una buona digestione

Alimentazione, 10 consigli del nutrizionista per una buona digestione


Tenere a bada bruciori di stomaco, senso di gonfiore e pesantezza, stitichezza e tutti gli altri disturbi associati alla cattiva digestione potrebbe essere più facile del previsto, almeno secondo quanto si legge sulle pagine del Thelegraph, che in un interessante articolo sull’argomento riporta i consigli di Patrick Holford, nutrizionista britannico autore di diversi libri incentrati sulla tematica del benessere.

Le regole da seguire sembrano piuttosto semplici. E dato che secondo gli esperti, a causa di uno stile di vita e un’alimentazione non propriamente salutari, sembra quasi inevitabile che capiti a tutti di dover lottare con fastidi di questo tipo almeno una volta nella vita, sapere come comportarsi per allontanarli il più possibile può essere sempre utile. Ecco, dunque, i consigli di Holford:

  • Mangiate cibi facili da digerire come le verdure, il pesce e il riso. Limitate, invece, il consumo di grano, zuccheri, cibi fritti, caffè e alcol.
  • Non mangiate nei momenti di stress: livelli troppo elevati di adrenalina rallentano la digestione. Prendetevi una pausa, sedetevi, masticate bene e godetevi il pasto.
  • Programmate 3 pasti e 2 spuntini. In questo modo il sistema digerente non sarà sovraccaricato e avrete energie a disposizione tutto il giorno.
  • Fate una colazione abbondante, perché i livelli di zuccheri nel sangue sono più bassi al mattino. La sera, cenate almeno tre ore prima di andare a dormire o, comunque, non troppo tardi.
  • Mangiate la frutta a colazione o come spuntino, ma non alla fine dei pasti principali.
  • In caso di gonfiori o pesantezza dopo i pasti, considerate la possibilità di assumere enzimi che aiutano la digestione, soprattutto prima di consumare i cibi che causano il problema.
  • Prendetevi cura dell’intestino assumendo probiotici. Ve ne servono due tipi: A per acidophilus e B per bifidobatteri.
  • Eventuali danni causati dalle infezioni, dagli antibiotici o da un consumo eccessivo di alcol possono essere curati con l’aiuto della glutammina, “il migliore amico dell’intestino”.
  • Se sospettate di avere un’intolleranza alimentare eseguite test specifici per togliervi ogni dubbio.
  • Non esagerate con gli antiacidi: possono essere utili per brevi periodi, ma a lungo termine interferiscono con l’assorbimento di vitamina B12 e calcio. Attenzione anche ai farmaci antidolorifici, che possono danneggiare l’apparato digerente.

Via | The Thelegraph
Foto | Flickr

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog