Albumina nelle urine: valori normali e cause

Albumina nelle urine: valori normali e cause

L'albumina è una proteina prodotta dal fegato molto importante come indicatore dello stato di salute. Vediamo che significato ha la sua presenza nel sangue o nelle urine

Albumina nelle urine

Sicuramente avrete sentito parlare di una sostanza organica chiamata albumina, probabilmente perché tracce ne saranno state segnalate nelle vostre analisi del sangue o delle urine.

Ma cosa signfica questo, e che cosa è esattamente l’albumina? Si tratta di una proteina sintetizzata a livello epaticoimportantissima per la nostra salute e per il mantenimento di uno stato di benessere e di equilibrio.

Le sue funzioni sono svariate, vediamo di riassumere le principali:

  • Mantenere stabile la pressione oncotica del plasma sanguigno
  • Veicolare il trasporto degli ormoni tiroidei
  • Veicolare il trasporto degli ormoni liposolubili
  • Veicolare il trasporto dei principi attivi dei farmaci
  • Veicolare il trasporto degli acidi grassi liberi
  • Veicolare il trasporto della bilirubina non coniugata
  • Legarsi agli ioni di calcio

Come si può evincere, questa proteina regola il flusso ematico e il trasporto delle diverse sostanze negli organi del corpo, ma soprattutto le sue molecole incanalano l’acqua presente nell’organismo umano aiutando i reni a filtrarla. Per questo è importante che venga prodotta dal fegato nelle giuste concentrazioni. La presenza di albumina nelle urine non è normale, mentre nel sangue è sempre presente entro dei valori specifici. A proposito, quali sono?

Albumina: valori normali

A livello ematico, questa proteina costituisce ben il 60% del totale proteico contenuto nel plasma, perciò nel nostro corpo sono considerati ottimali livelli che vanno dai 3,5 ai 5,0 g/dl. Quando i valori di albumina sono superiori a questi intervalli, anche la pressione sanguigna aumenta notevolmente, creando una serie di scompensi. Viceversa, quando sono troppo bassi (ad esempio in caso di grave denutrizione), i liquidi non vengono intercettati dalle molecole di albumina e si diffondono negli spazi intercellulari provocando edemi e ristagni. Un valore di albumina delle urine a 10 è del tutto normale, considerando che i valori normali nelle urine arrivano fino a 30 mg di escrezione al giorno.

Tracce di albumina nelle urine

Quali cause possono portare ad una iperalbuminemia (albumina alta nel sangue)? In genere si tratta di una conseguenza di condizioni transitorie o patologiche di disidratazione, ad esempio quando si è colpiti da diarrea, perché il corpo cerca di compensare le pedite “trattenendo” il più possibile i liquidi rimasti. Ecco, invece, cosa può determinare il problema opposto, la ipoalbuminemia (carenza di questa proteina):

  • Cirrosi epatica e malattie del fegato
  • Dieta drastica o denutrizione
  • Celiachia e malattie da malassorbimento intestinale
  • Nefropatie (soprattutto insufficienza renale)
  • Neoplasie
  • Anoressia
  • Ipertiroidismo

Cosa mangiare in caso di albumina bassa? Sono consigliati alimenti che aiutano a drenare i liquidi e aumentare i livelli proteici, come l’uovo e i latticini.

Albumina nelle urine in gravidanza

Talvolta si ritrovano anche tracce di albumina nelle urine più o meno abbondanti e in questo caso parliamo di albuminuria. Non sempre questa condizione è indicativa di stati patologici, spesso vuol dire solo che la nostra dieta è un po’ sbilanciata e che mangiamo troppe proteine, che facciamo troppo sport, oppure una lieve albuminuria si verifica durante la gravidanza. Una minima presenza di albumina nelle urine in gravidanza non è un fatto preoccupante, ma va comunque monitorato per scongiurare complicazioni. Quando, però, l’albumina presente nelle urine è davvero tanta, significa che i reni non funzionano bene, oppure che soffriamo di diabete. In ogni caso, consultate sempre il medico per chiarire ogni dubbio.

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog

Raffaele Morelli: donne, se gli uomini non vi guardano preoccupatevi