Il multitasking è deprimente: uno studio lo dimostra

Il multitasking è deprimente: uno studio lo dimostra

Chi eccede nel multitasking rischia depressione e ansia: uno studio lo dimostra

Scrivi messaggi su Twitter o Facebook mentre guardi la televisione e leggi le email? Allora, anche tu fai parte della generazione del multitasking. Ma lo sapevate voi , che proprio il multitasking sarebbe “deprimente”? A lanciare l’allarme sarebbe stato uno studio condotto dai ricercatori della Michigan State University, guidati da Mark Becker, secondo cui esisterebbe effettivamente una evidente correlazione fra la tendenza a svolgere più azioni contemporaneamente, ed il rischio di soffrire di disturbi come depressione e ansia.

Lo studio sarebbe stato condotto su un campione di 319 volontari, che avrebbero risposto ad una serie di domande in merito alla quantità di tempo dedicata ogni settimana alla TV, al cellulare, a mandare sms, a navigare in rete, giocare con tablet e pc, ascoltare musica con Mp3 e così via. In seguito, i volontari sarebbero stati analizzati anche sotto il profilo del benessere psicologico, e sarebbe emerso in maniera assolutamente chiara che coloro che tendono a rifugiarsi nel cosiddetto multitasking, avrebbero mostrato sintomi come quelli della depressione, dell’ansia ed in generale del disagio mentale.

 

Al momento non è ancora del tutto chiaro se sia il multitasking a provocare tali sintomi, o se – ipotesi a mio avviso più probabile – siano piuttosto le persone che soffrono anche lievemente di disagi mentali a rifugiarsi nella tecnologia in maniera tanto eccessiva.

 

“Nel primo caso – spiega Mark Becker – dovremmo cercare di aiutare chi eccede nel multitasking a ridurre le ore passate interagendo con gli strumenti tecnologici per scongiurare la comparsa di un problema mentale; nel secondo caso l’informazione è comunque rilevante, perché osservare un eccesso di multitasking potrebbe servire come campanello d’allarme per riconoscere il malessere“.

 

via | Corriere

Foto | da Pinterest di Betty Everything

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog