Le cellule dendritiche: quali tipi esistono e a cosa servono?

cellule dendritiche

Cellule dendritiche: cosa sono e a cosa servono? Le cellule dendritiche (definite semplicemente "DC"), sono delle particolari cellule del sistema immunitario che hanno la funzione di catturare gli antigeni (Ag), ovvero una molecola che viene riconosciuta come estranea o potenzialmente pericolosa dal sistema immunitario. Dopo l’interazione con tale antigene, le cellule dendritiche lo espongono sulla propria superficie, per poi farlo passare nelle aree T dei linfonodi, dove si darà inizio alla risposta immunitaria più adatta.

 

Ma torniamo alle nostre cellule dendritiche, che si distinguono in due diverse tipologie, ovvero mature o immature, in base al fatto che abbiano incontrato o meno l'antigene.

 

Le cellule dendritiche, che al microscopio sembrano delle cellule stellate, si distinguono inoltre in DC convenzionali e in quelle plasmacitoidi. Nel primo caso, si tratta di cellule che hanno la capacità di migrare negli organi linfoidi secondari per esporre l'antigene sulla superficie ed attivare i linfociti T. Le cellule dendritiche plasmacitoidi sono invece presenti nelle zone T della milza e dei linfonodi, e mutano quando entrano in contatto con l’antigene.

 

Le cellule dendritiche sono sostanzialmente presenti nei tessuti che vengono a contatto con l'ambiente esterno e che possono quindi essere più facilmente raggiunte da agenti patogeni, come ad esempio la pelle, la mucosa nasale, i polmoni, nella mucosa intestinale e quella gastrica.

 

Esse assumono un ruolo di importanza cruciale per quanto concerne il trattamento dei tumori, poichè immunologi e oncologi di tutto il mondo le ritengono importantissime per la creazione di vaccini antitumorali.

via | Humanitasalute, Wikipedia
Foto Pixabay

  • shares
  • Mail