Longevità, nella dieta mediterranea è nascosto l'elisir di lunga vita

Scegliere i cibi giusti e mangiarli nelle giuste proporzioni impedisce ai cromosomi di perdere le strutture che li proteggono dall'invecchiamento. A giocare un ruolo fondamentale è la telomerasi, l'enzima che mantiene il Dna giovane

dieta mediterranea longevità

Un'alimentazione che segue i principi della dieta mediterranea è come un farmaco che promuove la longevità. A dimostrarlo è uno studio condotto dai ricercatori del Dipartimento di Medicina Interna e Geriatria della Seconda Università di Napoli, pubblicato sulle pagine di PLoS One, secondo cui i cibi tipici di questo regime alimentare attivano un enzima in grado di mantenere le cellule giovani più a lungo.

Guidati da Giuseppe Paolisso, presidente della Societa' Italiana di Gerontologia e Geriatria (Sigg), gli autori della ricerca hanno analizzato i cromosomi dei globuli bianchi di 217 anziani. In particolare, l'analisi si è concentrata sulla lunghezza dei telomeri, le estremità dei cromosomi, da tempo considerati marcatori dell'invecchiamento. Infatti ogni volta che una cellula si divide i cromosomi si accorciano. Cellule di individui più anziani hanno, quindi, telomeri più corti. La cellula ha però uno strumento che evita ai telomeri di scomparire. Si tratta di un enzima, la telomerasi, che ricostruisce parte dei telomeri ad ogni divisione cellulare.

Dividendo i partecipanti in tre gruppi in base all'aderenza ai principi della dieta mediterranea è stato scoperto che questo regime alimentare influenza l'attività della telomerasi e la lunghezza dei telomeri. Inoltre è stata rilevata una regolazione negativa dell'attività dell'enzima da parte dell'infiammazione e dello stress ossidativo.

Tanto più i soggetti seguivano una dieta mediterranea, quanto più risultava attivo l'enzima

ha spiegato Paolisso.

Avere individuato che su questo “interruttore” cellulare agiscono i nutrienti di un'alimentazione sana e bilanciata, in cui siano abbondanti frutta, verdura, legumi, pesce fresco e cibi a basso contenuto di grassi, evidenzia il meccanismo che permette alla dieta di mediterranea di favorire la longevità ed è un'ulteriore prova della spiccata capacità antiaging della dieta mediterranea, che si può ormai ritenere un vero e proprio farmaco.

Via | Ansa
Foto | da Flickr di susan@kingstreetmarketinggroup

  • shares
  • Mail