Il fegato: a cosa serve e come mantenerlo in salute

Le funzioni del fegato e come mantenerlo in perfetta salute.


Ci troviamo spesso a parlare del fegato, un organo che si trova nell'addome in posizione trasversale, appena sotto il diaframma, ed è la più grande ghiandola del corpo umano. Se per cuore, polmoni o stomaco è facile capire quale sia il loro ruolo, altrettanto non si può dire per il fegato: lo scopo di questo importantissimo organo del corpo umano non è facilmente comprensibile a prima vista.A cosa serve il fegato e come mantenerlo in salute? Facendo una sintesi, i principali compiti deputati al fegato sono:


  • sintesi della bile, la quale a sua volta serve ad assorbire i grassi;

  • produzione di glucosio, indispensabile a nutrire i tessuti muscolari;

  • sintesi del colesterolo nella giusta quantità richiesta dalle cellule;

  • sintesi dei trigliceridi, fonti di energia per la vita cellulare;

  • produzione di fattori di coagulazione, come la trombino;

  • deposito d'emergenza per vitamina B12, ferro e rame;

  • pulizia dalle sostanze nocive e da quelle che, una volta rimpiazzate, hanno smesso di avere una funzione, come ad esempio l'emoglobina.


Durante la gestazione, il fegato è responsabile anche della produzione dei globuli rossi nel feto, finchè il midollo osseo non si è sviluppato.

Sin dall'antichità era stata compresa l'estrema importanza di questo organo: nell'antica Roma lo si considerava la sede del coraggio, da cui deriva l'espressione "avere fegato", e nell'antica Grecia, invece, si riteneva che il fegato fosse la sede dei sentimenti. Proprio dalla mitologia dell'Antica Grecia arriva un aneddoto curioso: Prometeo, punito dagli Dei per avere rivelato il segreto del fuoco, fu destinato a scontare la condanna divina incatenato a una roccia, con un'aquila che ne divorava il fegato ogni giorno. L'organo, secondo il racconto, la notte si rigenerava, ricostruendosi completamente.

Questo fa pensare che già allora avessero compreso una delle più straordinarie particolarità di quest'organo, ovvero la capacità di rigenerarsi completamente. Questa abilità, purtroppo, non è sufficiente a mantenere il fegato in perfetta salute, perché i motivi di degenerazione epatica possono essere tanti.

La Fondazione Italiana per la Ricerca in Epatologia ha stilato una serie di consigli per evitare che il fegato si ammali o riduca il proprio lavoro:


  • evitare l'abuso d'alcool, principale causa di danni al fegato, limitandone il consumo in due bicchieri al giorno per gli uomini e uno per le donne;

  • evitare il fumo e i cibi grassi: è stata dimostrata la concorrenza di questi fattori nello sviluppo di patologie tumorali del fegato;

  • praticare sport: aiuta ad evitare il rischio di sovrappeso, che può rendere il fegato meno efficiente;

  • evitare il contatto con tossine, sostanze chimiche aggressive, prodotti spray visto che è il fegato a depurare da queste sostanze;

  • richiedere al proprio medico di effettuare delle analisi del sangue per individuare la presenza di problemi epatici, soprattutto se in famiglia si sono avuti casi di epatite A o B.


Via | Fondazione Fegato

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail