Cosa sono i neutrofili e cosa significa se sono bassi

Cosa sono i neutrofili e cosa significa se sono bassi

I neutrofili altro non sono che i globuli bianchi più numerosi nel sangue. Sono prodotti nel midollo osseo come tutte le cellule ematiche, sono in grado di uccidere da cique a venti batteri nel corso della loro breve vita, che dura al massimo due giorni: in caso di infezione intervengono per debellare la causa del malessere.

Se le cause di un livello alto dei neutrofili sono da riscontrarsi in diversi stimoli fisiologici, oltre che in particolari infezioni, o in presenza di neoplasie, emopatie, flogosi, assunzione di farmaci, diversa è la situazione per un livello basso di neutrofili, solitamente chiamato neutropenia. Andiamo a scoprire insieme perché il numero di neutrofili si abbassa nel sangue.

La causa di un livello basso di neutrofili può essere una malattia genetica o acquisita: questi valori si hanno, ad esempio, in caso di anemia aplastica, oltre che in caso di alcune particolari infezioni, come il tifo, il paratifo e la brucellosi. La neutropenia può essere riscontrata anche come effetto collaterale di alcuni medicinali, come ad esempio i chemioterapici antitumorali.

Se i neutrofili sono più bassi, l’organismo potrebbe essere colpito più facilmente da infezioni, in modo particolare quelle batteriche. Con un livello di neutrofili compreso tra 1000-1500/mm3 si parla di neutropenia lieve, con un conseguente rischio ridotto di infezione. Se il range è compreso tra 500-1000/mm3 si parla di neutropenia moderata, con un rischio moderato di infezione batterica, mentre, infine, con valori al di sotto dei 500mm3 si parla di un rischio molto severo e serio di infezione.

Solo le analisi del sangue possono svelare se il livello di neutrofili è giusto o se c’è qualcosa che non va nell’organismo.

Foto | Flickr

Via | My personal trainer

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog