Curarsi con l’argilla verde: proprietà, benefici e indicazioni

Può essere utilizzata esternamente o per un trattamento detossificante, ma gli effetti più noti e sfruttati sono quelli sulla pelle. Ecco come usarla contro acne, infiammazioni e altri disturbi

argilla verde

Le proprietà benefiche dell'argilla non sono un mistero. A dimostrarlo sono numerosi prodotti per la cosmesi presenti sul mercato, dalle maschere per il viso ai fanghi anti-cellulite. Non tutte le argille, sono, però, uguali fra loro. In particolare, tra le più famose e utilizzate c'è l'argilla verde, un biominerale totalmente naturale ottenuto essiccando al sole la roccia scavata nelle cave francesi.

Priva di qualsiasi odore, l'argilla verde si distingue per la sua elevata capacità assorbente ed è formata da materiale vegetale decomposto, alghe e microalghe, fitonutrienti e tracce di minerali, tra cui calcio, alluminio, magnesio, silicio, ferro, sodio, potassio, cobalto, manganese, fosforo, rame e zinco. Oltre ad essere fortemente assorbente questo biominerale ha anche proprietà analgesiche e antinfiammatorie che lo rendono utile in caso di dolori muscolari, gonfiori, artrite e reumatismi e stimola la cricolazione del sangue e della linfa.

Le indicazioni cosmetiche

Fra i suoi impieghi più comuni sono incluse proprio le maschere di bellezza. La sua elevata capacità asorbente la rende, infatti, una vera e propria trappola per il sebo, le molecole tossiche e le impurità della pelle. Non solo, l'argilla verde tonifica la pelle stimolando la circolazione del sangue, rivitalizzandola eliminando le cellule morte, rafforzando i tessuti connettivali e stringendo i pori. Il risultato è una pelle più fresca, liscia, luminosa e morbida.Studi scientifici hanno inoltre dimostrato che l'argilla verde riesce ad inibire la crescita di diversi batteri che possono causare infezioni della pelle resistenti all'uso dei farmaci, come Escherichia coli, Salmonella typhimurium, Pseudomonas aeruginosa, Staphylococcus aureus e Mycobacterium marinum.

Dato che non si tratta di un composto aggressivo, l'argilla verde può essere utilizzata senza rischi per la pelle anche una volta alla settimana o, nel caso di problemi localizzati, tutti i giorni. Non solo, le sue proprietà possono essere sfruttate anche per ammorbidire la pelle secca e ruvida sull'intero corpo.

Ecco come utilizzarla:

  • per una maschera al viso basta applicare uno strato di impasto di argilla verde e acqua e lasciarlo agire per 10-15 minuti prima di sciacquare con acqua calda. Ideale anche in caso di acne;
  • per un impacco al corpo mescolare parti uguali di argilla verde e polvere di alghe in acqua. Stendere un asciugamano o una coperta abbastanza grande sul letto e ricoprirlo con della pellicola, spalmare l'impasto sul corpo, stendersi sull'asciugamano e avvolgersi al suo interno, assicurandosi di rimanere al caldo per 15-30 minuti, dopodiché sciacquarsi in doccia.;
  • la polvere può essere utilizzata in quanto tale su eczemi, ulcere e qualsiasi lesione per didinfettarla e promuoverne la guarigione;


  • una manciata di argilla verde secca può essere aggiunta all'acqua del bagno: bastano 30 minuti di immersione per un effetto ammorbidente e rinvigorente.

Altri usi esterni

La polvere di argilla può essere mescolata all'acqua anche per ottenere impasti da applicare in altri punti del corpo sia in caso di ferite e infezioni, sia per trattare scottature non gravi, infiammazioni, emorroidi e problemi ai muscoli e alle articolazioni, ad esempio distorsioni o strappi muscolari.

L'impasto per gli impacchi deve essere preparato con acqua calda e avere una consistenza piuttosto liquida. Dopo averlo distribuito su un panno deve essere applicato sull'area da trattare, che poi deve essere bendata e avvolta in un panno caldo. L'impacco va rimosso dopo che l'impasto si sarà essiccato.

Nel caso in cui fosse necessaria un'azione più decisa l'impasto può essere preparato con una maggiore quantità di polvere, in modo da ottenere una pasta liscia, ma non liquida, da applicare sull'area da trattare con una garza e avendo cura di bendare in modo da poter lasciare in posa per 2 ore senza che si secchi. Se necessario, il trattamento può essere ripetuto subito dopo aver rimosso questo primo impasto.

Infine, la polvere d'argilla può essere utilizzata per alleviare le infiammazioni gengivali (basta tenerla in bocca per 10-15 minuti senza deglutirla, ripetendo più volte l'operazione fino alla scomparsa del problema) e come dentifricio sbiancante e anti-placca.

L'argilla come detossificante

Ultimo possibile utilizzo è quello interno: bere ogni giorno, 30 minuti prima della colazione, circa 250 ml di acqua in cui è stato sciolto un cucchiaio di argilla verde per 21 giorni è un buon trattamento detossificante che secondo alcuni esperti di medicine alternative può aiutare a contrastare i sintomi di problemi come allergie, mal di testa, cattiva digestione e spossatezza.

Via | LiveStrong; Mountain Rose Herbs; French Clay for All
Foto | da Flickr di SharonaGott

  • shares
  • Mail