Lordosi cervicale: sintomi e rimedi per la riduzione fisiologica

Lordosi cervicale

Normalmente la colonna vertebrale è caratterizzata da una serie di curvature. Nel tratto cervicale, tale curvatura serve a stabilizzare la posizione della testa ed a mantenere l’equilibrio della persona. L’accentuazione di una di queste curve, denota la presenza di un’anomalia nella colonna. Quando parliamo di lordosi cervicale ci riferiamo ad un’alterazione dell’incurvatura, che diventa più profonda, e che induce a "spingere" la testa verso avanti, in maniera visivamente innaturale.

Tale problema non reca con sé dei particolari sintomi, specialmente se presente in forma lieve. Tuttavia, quando l’alterazione diventa particolarmente significativa, possono essere registrati sintomi come il dolore al collo, capogiri, senso di sbandamento ed anche una perdita di equilibrio.

Ma quali saranno le cause di un simile disturbo? Normalmente, alla base di una lordosi cervicale vi sono fattori ereditari e familiari, la tendenza ad assumere una postura scorretta, osteoporosi, obesità (situazione che induce il corpo ad assumere posizioni innaturali), una rara forma di nanismo nota come acondroplasia, che colpisce arti, braccia e gambe. Altre cause potrebbero essere ricercate in una scarsa flessibilità dei muscoli bassi della schiena, traumi che hanno interessato la zona del collo e così via …

Fra i rimedi più indicati per la cura della lordosi cervicale, vi è innanzitutto quello di assumere una corretta postura (rieducazione posturale), possibilmente attraverso un vero e proprio ciclo di sedute di ginnastica posturale. Sarà naturalmente il vostro medico ortopedico a valutare la cura più adatta in base alla vostra specifica situazione.

via | Fioriblu, MyBlog
Foto da Pixabay

  • shares
  • Mail