Il Plasil in gravidanza è pericoloso e quali sono le controindicazioni?

Il Plasil è un farmaco utilizzato in caso di disturbi a carico dell'apparato gastrico e in particolare in chi soffre di nausea: quando si è in gravidanza lo si può assumere? Ecco cosa c'è scritto nel foglietto illustrativo!

Plasil in gravidanza

Il Plasil è un medicinale venduto sotto forma di compresse, sciroppo, gocce orali e soluzione iniettabile per uso intramuscolare o endovenoso, contenenti come principio attivo il Metoclopramide monocloridrato monoidrato. Viene usato nel trattamento di disturbi gastrici e digestivi, oltre che per nausee conseguinti all'anestesia somministrata durante un intervento chirurgico.

Il Plasil solitamente vene assunto dagli adulti con la seguente posologia, che possiamo leggere nel foglietto illustrativo: una compressa da 10 mg per tre volte al giorno prima dei pasti oppure 10 ml di sciroppo tre volte al giorno prima di mangiare o ancora una fiala da 2 ml per via intramuscolare o endovenosa, con iniezione lenta, o, ancora, 48 gocce di soluzione orale per 3 volte al giorno. Ovviamente dovrete sempre chiedere al vostro medico curante, che saprà darvi la cura giusta per il vostro disturbo.

Il Plasil non va assolutamente usato nei bambini con meno di 16 anni di età, in caso di ipersesibilità al principio attivo o ai suoi eccipienti, in chi soffre di glaucoma, feocromocitoma, malattia epilettica, morbo di Parkinson, in chi segue una terapia con anticolinergici, in caso di emorragia gastrointestinale, perforazione, ostruzione meccanica.

Inoltre, sul foglietto illustrativo del farmaco leggiamo che non andrebbe assunto nel primo trimestre di gravidanza e in allattamento. Il principio attivo del Plasil, infatti, può oltrepassare la placenta e raggiungere il feto, quindi è meglio non usarlo nei primi tre mesi di gestazione. Anche nel restante periodo di gravidanza bisogna fare molta attenzione (così come per tutti i prodotti antiemetici): è da somministrare solo in caso di estrema necessità e sotto stretto controllo del medico.

Il Plasil non può nemmeno essere assunto durante l'allattamento: se necessario durante questo periodo, sostituire il latte materno con quello artificiale.

Foto | Pharmamedix

Via | Torrinomedica

  • shares
  • Mail