Arriva anche in Italia il nuovo farmaco contro il cancro alla prostata

Per combattere il cancro alla prostata, ecco che anche sul mercato italiano è arrivato un nuovo farmaco: l'abiraterone acetato riduce il rischio di morte per questo tumore e dimezza il dolore!

farmaco contro il cancro alla prostata

Anche sul mercato italiano arriva un nuovo farmaco, che agisce contro il cancro alla prostata: stiamo parlando dell'abiraterone acetato, che agisce su un enzima attivo nelle cellule tumorali allo stadio avanzato, riducendo di un quarto il rischio di morte e dimezzando il dolore. Proprio nei giorni scorsi vi avevamo parlato del cancro alla prostata, sottolineando come l'incidenza fosse ormai come quella del tumore al seno: ora questo nuovo farmaco apre nuove speranze negli uomini che ne sono stati colpiti.

Il nuovo farmaco, approvato nel 2011, arriva in Italia nel mese di aprile 2013: l'abiraterone acetato è una molecola contenuta in un farmaco che promette di allungare la vita ai pazienti colpiti da cancro alla prostata, migliorandone anche la qualità della vita. Del resto la patologia è molto diffusa e, purtroppo, si tratta ancora di un tabù tra la popolazione maschile, perché questa malattia provoca molto imbarazzo in chi ne soffre.

Giario Conti, primaro di urologia presso l'Ospedale S. Anna di Como, oltre che presidente della Società Italiana di Urologia Oncologica (SIUrO), spiega come funziona il farmaco:

L'Abiraterone è un potente inibitore dell’enzima CYP17 e quindi un farmaco in grado di inibire profondamente la produzione di testosterone e di altri ormoni androgeni agendo a livello del surrene, del testicolo e soprattutto del microambiente tumorale.

Sul farmaco è già stato condotto uno studio di fase III sul tumore alla prostata, con 1195 pazienti in fase avanzata, già trattati con chemioterapia e terapia ormonale. I dati sono incoraggianti, visto che si è ridotto del 25% il rischio di morte: un farmaco che potrebbe davvero fare la differenza in chi soffre di carcinoma, come sottolineato da Sergio Bracarda, Direttore dell'Unità di Oncologia Medica presso l'Ospedale S. Donato di Arezzo:

Abiraterone rappresenta un avanzamento molto importante nella terapia dei pazienti con carcinoma metastatico alla prostata. Ha dimostrato un vantaggio importante nell'incremento di sopravvivenza, ma anche di avere un ottimo profilo di tollerabilità. Incremento di sopravvivenza accoppiato a tollerabilità rende abiraterone un farmaco più facilmente applicabile, rispetto a terapie più aggressive, ai pazienti con carcinoma metastatico alla prostata. La tollerabilità rimane una priorità fondamentale in quanto si riferisce a una popolazione spesso fragile per età avanzata o per presenza di patologie concomitanti, a livello cardiaco, renale o epatico.

Abiraterone è in vendita in Italia tramite compresse per uso orale: presto arriverà in tutte le regioni italiane!

Via | Quotidianosalute

Foto | da Flickr di gonmi

  • shares
  • Mail