I benefici dei fermenti lattici vivi e come assumerli

Come e quando assumere i fermenti lattici vivi? Ecco tutti i benefici per la vostra salute

Fermenti lattici

Pur essendo generalmente venduti in farmacia, i fermenti lattici vivi non sono dei veri e propri farmaci. La loro assunzione non presenta effetti collaterali, ed apporta una vasta serie di benefici al nostro organismo, a cominciare da quelli che riguardano la nostra flora batterica intestinale, che trae notevole giovamento dall’assunzione di tali prodotti. I fermenti lattici vivi sono però impiegati anche in moltissimi diversi casi, come ad esempio dopo essersi sottoposti ad una terapia antibiotica, in caso di disordini alimentari, nei casi di forte stress, di diarrea e stitichezza, o anche nei casi di eccessivo gonfiore addominale.

I fermenti lattici vivi sono non sono però indicati solo per prevenire e curare questo genere di disturbi, ma anche in caso di intolleranze alimentari, in caso di allergie, e nei casi di infezioni del tratto gastroenterico e delle vie urogenitali. Aiutano inoltre a rafforzare le difese immunitarie, a ad equilibrare i livelli di grassi e di zuccheri nel sangue, ed a sintetizzare meglio le vitamine del Gruppo B e la vitamina K.

Insomma, come potrete intuire, assumere fermenti lattici vivi rappresenta una scelta ideale per la nostra salute ed il nostro benessere. Ma come andranno assunti?

In commercio i fermenti lattici vivi si trovano in diversi formati, dalle fiale alle bustine, oppure in capsule. Il prodotto va generalmente conservato in frigorifero, e la sua assunzione varierà in base alla tipologia da voi acquistata previo consiglio del medico o del farmacista, che saprà indirizzarvi al meglio in base alle vostre esigenze ed alle vostre condizioni di salute.

via | Humanitasalute
Foto | da Pinterest di Jim Barger

  • shares
  • Mail