Alimenti che contengono il selenio e le proprietà

Il selenio è un oligoelemento molto importante per il nostro organismo, perché aiuta i processi di assorbimento di alcuni minerali e inibisce gli effetti tossici dei metalli pesanti ingeriti tramite l'alimentazione. Fino al 1957 si riteneva che fosse tossico ma quando venne scoperta la sua funzionalità per l'uomo, si cominciarono a studiare gli alimenti che contengono il selenio e le proprietà.

Le fonti naturali di selenio sono i cibi ricchi di proteine, quali pesce, uova, latte e derivati, carne, frattaglie, lievito di birra, cereali, noci e frutta secca come le noci del Brasile: tra le numerose proprietà, quella principale è la difesa delle cellule dai danni dell'ossidazione e protezione dai radicali liberi, che causano l'invecchiamento delle cellule.

Il selenio ha anche un ruolo primario nella funzionalità della tiroide, principalmente nella produzione degli ormoni e nel mantenimento dell'efficacia dei tessuti tiroidei, proteggendoli dalle ossidazioni cellulari:è fondamentale per il sistema di enzimi che trasformano la tiroxina (T4) in triiodotironina (T3) e, in caso di carenza di selenio, verrebbe a mancare questo ultimo ormone, con conseguenti disfunzioni per la tiroide. Non solo lo iodio, quindi, è fondamentale per questa ghiandola, ma anche un giusto apporto di selenio ne agevola la corretta funzionalità.

La dose giornaliera raccomandata per gli adulti di entrambi i sessi è di 55 microgrammi. In casi particolari, come in gravidanza e durante la fase di allattamento, la dose sale rispettivamente a 60 e 70 microgrammi al giorno. In caso di sovradosaggio da selenio, ovvero l'assunzione di più di 400 microgrammi al giorno, si  parla di selenosi, ovvero l'intossicazione da selenio, una patologia tossica che si presenta con diarrea, vomito e degenerazione dei tessuti cutanei e della cheratina di capelli e unghie.

Via | Wikipedia

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail