Più svegli con l'ormone della felicità

ormone della felicità

L'ormone della felicità si chiama orexina ed è la stessa molecola che aiuta a stare svegli. Uno studio pubblicato su Nature Communications dai ricercatori dell'Università della California di Los Angeles ha infatti dimostrato che la produzione di questo neurotrasmettitore aumenta quando si è felici e diminuisce quando si è tristi. Studi precedenti degli stessi ricercatori avevano dimostrato che il numero di cellule dell'orexina è ridotto del 95% in chi soffre di narcolesia. Combinando le due scoperte è facile giungere alla conclusione che la molecola della felicità è la stessa che aiuta a stare svegli evitando un disturbo, la narcolessia, spesso associato alla depressione.

Come ha spiegato Jerome Siegle, responsabile dello studio,

Gli attuali risultati spiegano la sonnolenza della narcolessia tanto quanto la depressione che accompagna di frequente questo disturbo.


Non solo, secondo il ricercatore la scoperta suggerisce che l'orexina potrebbe essere alla base di forme di depressione diversa da quella associata alla narcolessia.

I livelli di orexina sono stati misurati mentre gli individui coinvolti nello studio erano impegnati a guardare la televisione, in interazioni sociali (ad esempio parlare con il medico o con un familiare), a mangiare, durante manipolazioni mediche e al momento del risveglio. Inoltre i partecipanti hanno risposto ogni ora a questionari sul loro umore.

Ne è emerso che l'orexina raggiunge livelli massimi quando si provano emozioni positive, durante le interazioni sociali e al risveglio.

Questi risultati

ha spiegato Siegel

suggeriscono una specificità emotiva precedentemente non rilevata nell'attivazione dell'eccitazione e del sonno

e che


anomalie nel meccanismo di attivazione di questi sistemi contribuiscano a una serie di disturbi psichiatrici.


Se così fosse, i farmaci contro l'insonnia che hanno come bersaglio l'azione dell'orexina potrebbero avere un effetto anche sull'umore.

Via | Ucla Newsroom
Foto | da Flickr di ritingon

  • shares
  • Mail