Cos'è la cistite interstiziale, quali i sintomi e come si cura

cistite interstiziale

La cistite interstiziale è una condizione cronica in cui si avvertono contemporaneamente pressione e dolore alla vescica che portano ad urinare frequentemente e a dolori durante i rapporti sessuali. Talvolta questi sintomi sono accompagnati da un dolore pelvico o nella regione del perineo che può assumere toni variabili dal leggero bruciore al fastidio insopportabile.

A soffrirne maggiormente sono le donne, ma esistono anche casi in cui a lottare con i suoi sintomi sono uomini o bambini. A volte i disturbi possono scomparire per un po' di tempo, ma questa condizione può comunque compromettere significativamente la qualità della vita di chi ne soffre. I sintomi possono acutizzarsi in dipendenza di fattori come lo stress, il ciclo mestruale, l'attività sessuale o il fatto di rimanere seduti a lungo e, purtroppo, non c'è una cura in grado di garantire la risoluzione del problema. Tuttavia, alcuni farmaci e terapie possono aiutare a trovare sollievo.

Il problema può essere causato da un malfunzionamento dei meccanismi che controllano lo stimolo a urinare o da un'alterazione dell'epitelio della vescica che può essere causata anche da agenti esterni. Gli antidepressivi triciclici aiutano a rilassare la vescica, mentre gli antinfiammatori, come l'ibuprofene e altri Fans, aiutano a ridurre il dolore. In alcuni casi, invece, la soluzione ideale è assumere degli antistaminici, che possono ridurre la necessità di urinare frequentemente e contrastare anche alcuni degli altri sintomi. Altro farmaco utile è il pentosan polisolfato sodico, che protegge l'epitelio della vescica dalle sostanze che potrebbero irritarlo.

Il dolore e lo stimolo ad urinare possono essere alleviati anche con la stimolazione dei nervi ottenuta mediante Tens (Transcutaneous electrical nerve stimulation) o con la stimolazione del nervo sacrale tramite impulsi elettrici, mentre in alcuni casi possono essere utili una serie di cistoscopie durante le quali la vescica viene distesa utilizzando acqua o gas o con un trattamento a base di somministrazioni di farmaci direttamente nell'organo

Il ricorso alla chirurgia è più raro, perché spesso non è efficace e può portare a complicazioni. I possibili interventi includono la sostituzione della parte di vescica danneggiata con una porzione di colon e l'asportazione di eventuali ulcere.

Alcuni pazienti possono trovare sollievo anche nella medicina complementare, ad esempio grazie all'agopuntura. Tuttavia l'efficacia delle medicine alternative non è stata ancora del tutto provata.

Via | Mayo Clinic
Foto | da Flickr di Robert McDon

  • shares
  • Mail