Come funziona la dieta Scarsdale e quali risultati aspettarsi

dieta Scarsdale

La dieta Scarsdale funziona davvero? In vista dell’estate, le persone che si mettono alla ricerca di miracolose diete “scacciachili” sono davvero moltissime. Una delle diete più famose (e immediate) sembra essere proprio la dieta Scarsdale, o Scarsdale Medical Diet (SMD), attraverso la quale potreste perdere circa 450gr al giorno per 7-14 giorni, per un totale di … un ben po’ di chili persi. Ma sarà davvero così? Questa particolare dieta funzionerà davvero? Cerchiamo di scoprirlo, e cerchiamo soprattutto di scoprire i pro e i contro di un simile regime alimentare.

La dieta Scarsdale è una dieta che si basa sull’assunzione di circa mille calorie al giorno che vengono così ripartite: 43% di proteine, 22,5% di grassi e 34,5% di carboidrati. La dieta prevede un’alimentazione a base di carne, pesce magro e verdure poco caloriche, ed è suddivisa in quattro diversi pasti. Lo spuntino consiste nell’assunzione di carote e sedano nella quantità che più desiderate.

Fra i cibi vietati da tale regime alimentare, vi sono pasta e pane, i condimenti (burro, margarina ma anche olio sono assolutamente banditi) e dolci, oltre alle carni grasse, ai salumi e all’alcool.

Detto questo, i pareri in merito a questa particolare dieta sono molto contrastanti: certo, è vero che seguendo questo tipo di alimentazione i chili si perdono in poco, pochissimo tempo, ed è vero anche che la Scarsdale non vi obbliga a tenere il conto delle calorie degli alimenti, o - dettaglio che farà piacere ai più pigri - a fare esercizio fisico. Ma d’altra parte, una dieta simile non è equilibrata, e secondo gli esperti potrebbe causare carenza di calcio e vitamine liposolubili. Questo tipo di dieta non è inoltre indicata per gli sportivi, proprio a causa delle pochissime calorie che assumerebbero.

Insomma, se avete intenzione di seguire questo tipo di dieta, il consiglio che vi do è quello di consultare il vostro medico, che saprà indicarvi quale sia la scelta giusta per voi!

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail