Cos'è il coma etilico e quali rischi comporta

coma etilico

Il coma etilico è un'intossicazione causata da un'ingestione da un quantitivo di alcol, e quindi di etanolo, troppo alto. Non esiste un limite generico, dal momento che la quantità che causa questa condizione molto pericolosa per la salute umana varia da persona a persona e anche dalla gradazione alcolica della bevanda.

Il coma etilico è causato da un abbassamento del ph sanguineo, che a sua volta è provocato dalla produzione troppo elevata di corpi chetonici. E' una condizione che può risultare molto pericolosa, perché nei casi più gravi può portare ad un arresto cardiocircolatorio o ad un arresto respiratorio. Per questo non appena vi accorgete che una persona è in questa condizione, bisogna portarla all'ospedale.

Il coma etilico è spesso accompagnato da sintomi quali un profondo stato di incoscienza, alitosi, arrossamento cutaneo, vasodilatazione, ipotermia, bradicardia e ipotensione arteriosa, depressione respiratoria.

E' una situazione potenzialmente molto pericolosa, per questo il ricovero immediato in ospedale è condizione indispensabile per poter evitare i rischi che il coma etilico comporta: la terapia proposta cercherà di rimediare all'ipotermia, all'ipoglicemia e all'acidosi, tramite glucosio somministrato per via endovenosa, magari con qualche dose di insulina, oltre a preparati per accelerare il metabolismo dell'alcol.

Molto utili anche somministrazioni di bicarbonato e di lattato di sodio, per correggere l'acidosi metabolica, delle soluzioni saline per riequlibrare l'organismo, glutatione per la detossificazione del fegato, oltre che alte dosi di naloxone. Da trattare con urgenza è l'ipotermia, che può portare anche alla morte, oltre che i disturbi respiratori, che possono essere curati tramite respirazione artificiale.

Via | Mypersonaltrainer

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail