Quale yogurt: come sceglierlo e come farselo in casa

yogurtSappiamo che il latte è un alimento completo e bilanciato ma non sempre teniamo in debito conto i vantaggi dello yogurt, gradevole da consumare e ricco di benefici dai fermenti lattici vivi alla versatilità della preparazione, dalle molte varanti disponibili in commercio fino ad arrivare alla semplicità del procedimento per farselo a casa. Ma come scegliere lo yogurt?

Essenzialmente dipende da gusti e chi ne ha provati molti saprà che da una marca all’altra lo stesso genere di yogurt varia moltissimo in consistenza, sapore e valori nutrizionali. Ma possiamo individuare alcune linee generali utili da seguire.

Anzitutto è bene scegliere tra yogurt al naturale o alla frutta. Questi ultimi sono spesso addizionati con coloranti e aromi che hanno poco a che vedere con la frutta di cui si dicono ricchi. Sarebbe più salutare usare lo yogurt bianco e aggiungere frutta fresca a pezzi o da frullare insieme allo yogurt.

La scelta del tipo di yogurt, poi, dipende anche dalla vostra dieta: quelli interi sono indubbiamente più corposi e gustosi ma anche più grassi; di contro quelli magri peccano spesso in sapore, sono liquidi e poco saporiti. La solita via di mezzo è la strada dei virtuosi.

E se volessimo farlo in casa? Facile. Potete acquistare i fermenti (classici o di kefir) da utilizzare per preparare lo yogurt secondo un procedimento semplicissimo che va dalle 12 alle 24 ore secondo la densità desiderata. I fermenti si trovano nei negozi di prodotti biologici e in erboristeria, ma anche nelle botteghe di prodotti caseari.

Si può fare anche con lo yogurt da vasetto, senza cercare i fermenti che poi vanno curati tra una fermentazione e l’altra. Scaldate una tazza abbondante di latte senza portarlo a bollore, aggiungete un vasetto di yogurt, chiudete nel pentolino e coprite mantenendo al caldo per un giorno.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail