Con lo stomaco infiammato quali sono i cibi da evitare?

In caso di bruciore di stomaco, abbiamo sempre consigliato delle linee guida da seguire per una corretta alimentazione: cibi leggeri, dieta in bianco, molta acqua e pasti piccoli, oltre al corollario di rimedi più o meno naturali che aiutano in caso di pirosi gastrica e alla raccomandazione di tenere sotto controllo lo stress. Ma quali sono i cibi da evitare assolutamente con lo stomaco infiammato?

Il primo punto da rivedere è certamente l'organizzazione quotidiana dei pasti che si fanno: è bene aumentarne la frequenza, in modo da diminuire l'apporto di cibo momentaneo allo stomaco che fatica meno a digerirlo, e accompagnare i tre pasti principali (colazione, pranzo e cena) con almeno due spuntini (metà mattina e metà pomeriggio) che aiutano a gestire meglio i vari processi digestivi. In questo modo lo stomaco non si affatica e la digestione diventa meno complicata.

Un altro valido consiglio è quello di cambiare radicalmente la propria alimentazione a favore di una dieta un po' più leggera e controllata: tra i cibi da eliminare ed evitare assolutamente troviamo:


  • fritti

  • insaccati

  • formaggi

  • alimenti molto grassi ed elaborati, con cotture prolungate

  • cibi molto speziati, come quelli di molte cucine esotiche

  • alcol


Questi sono i peggiori nemici dello stomaco infiammato, perché vanno ad irritare la mucosa gastrica sottoponendola ad un lavoro eccessivo e stressandola ulteriormente. Chi soffre di bruciore di stomaco dovrebbe quindi evitarli accuratamente per almeno un periodo, indicativamente un mese, e vedere quanti benefici possa ottenere da un'alimentazione leggera e digeribile, fatta di cibi integrali, cereali, frutta e verdura fresche e pochi sfizi golosi (che comunque ci si può togliere, ma sempre con moderazione).

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail