Colesterolo alto dopo la gravidanza: i consigli per una corretta alimentazione

Colesterolo alto dopo la gravidanza: i consigli per una corretta alimentazione

Quali sono le cause del colesterolo alto in gravidanza, e come fare a risolvere questo problema?

Avere il colesterolo alto in gravidanza è un evento del tutto normale. In questa particolare fase infatti la neomamma vedrà aumentare tale valore oltre la soglia dei 200 mg/L, e ciò avviene perché questo grasso è necessario per favorire la formazione delle membrane cellulari del feto, e perché il livello di colesterolo è influenzato anche dalle fluttuazioni ormonali. Detto questo, come avrete capito un aumento del livello di colesterolo nel sangue è del tutto normale durante il periodo della gravidanza, ed è normale che si manifesti anche nelle settimane che seguono il parto, specialmente nel caso in cui la neomamma abbia preso molto peso durante il periodo della gestazione.

Generalmente i valori dovrebbero rientrare nella norma dopo alcune settimane, specialmente se la neomamma allatta il bambino al seno. Ma che fare se ciò non avviene? E qual è il modo migliore per ridurre il problema?

Per abbassare il colesterolo dopo la gravidanza bisognerà seguire una dieta ad hoc, eliminando tutti quegli alimenti che ne provocano appunto un innalzamento.

Nello specifico dunque, la neomamma dovrà evitare i grassi (saturi e trans), e preferire piuttosto l’assunzione di grassi “buoni” e di acidi grassi omega 3. Evitate inoltre di eccedere nell’assunzione di dolci, e non mangiate alimenti fritti, scegliendo invece di cucinare i vostri cibi con metodi di cottura alternativi e più salutari.

Indispensabile sarà anche assumere frutta e verdura fresche, e mangiare la carne bianca al posto della carne rossa, ricordando però sempre di non eccedere. Non assumete dolci raffinati e alimenti eccessivamente grassi, e vedrete che riuscirete a risolvere il problema.

Foto | da Pinterest di Healthy Celeb

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog