I medici possono sentire il dolore dei pazienti, lo dimostra uno scanner cerebrale


Essere un bravo dottore significa capire e sentire come propria la pena del paziente. E succede realmente, non è la classica parte recitata dai camici bianchi delle fiction. Lo dimostra uno studio che ha sottoposto un team di 18 medici a uno scanner cerebrale mentre stavano curando e visitando i loro pazienti. Questa ricerca indaga sul rapporto medico-paziente, che è alla base dell’efficacia di qualsiasi terapia.

I nostri risultati hanno dimostrato che le stesse regioni cerebrali attivate quando i pazienti ricevono un placebo (convinti di prendere un farmaco) si 'accendono' nel cervello dei medici quando questi somministrano delle terapie che pensano efficaci. Hanno, inoltre, dimostrato che i medici che hanno avuto una maggiore capacità di entrare in empatia con i sentimenti dei loro pazienti, sperimentano anche la maggiore soddisfazione durante il trattamento.

Commenta Karin Jensen, primo autore del ricercatori del Massachusetts General Hospital e del Beth Israel Deaconess Medical Center/Harard Medical School. Non è la prima volta che s’indaga su questo tema. In precedenza, alcuni studi avevano dimostrato che una regione del cervello associata con il sollievo dal dolore e una regione associata con la ricompensa si attivano quando i pazienti subiscono l'effetto placebo. Ora secondo i medici, lo stesso meccanismo avviene anche nei dottori.

Per verificare la tesi, i ricercatori hanno usato una macchina che effettua uno scanner del cervello (una sorta di risonanza magnetica). La ricercatrice ha infine detto:

Sappiamo già che il rapporto medico-paziente fornisce conforto e può anche alleviare i molti sintomi. Ora, per la prima volta, abbiamo dimostrato che la stessa cura dei pazienti attiva una neurobiologia unica nei medici. Il nostro obiettivo finale è trasformare l'arte della medicina in 'scienza della cura', e questa ricerca è un primo importante passo in questa direzione.

Foto | Flickr

Via | Adnkronos

  • shares
  • Mail