Hai una famiglia bilingue? Ecco i vantaggi che non ti aspettavi

Hai una famiglia bilingue? Ecco i vantaggi che non ti aspettavi

Far parte di una famiglia in cui si parla più di una lingua può influenzare le capacità di attenzione dei bambini. Ecco cosa rivela un nuovo studio.

I bambini che vivono in case in cui si parla più di una lingua possono spostare la loro attenzione più rapidamente e più frequentemente rispetto ai bambini che vivono in case in cui si parla una sola lingua.

A suggerirlo è un nuovo studio condotto dai membri della Anglia Ruskin University e pubblicato sulla rivista Royal Society Open Science, i cui autori hanno utilizzato la tecnologia di tracciamento oculare per analizzare lo sguardo di un campione di 102 bambini che svolgono una varietà di compiti.

I ricercatori hanno scelto di arruolare bambini di età compresa tra sette e nove mesi, in modo da concentrarsi sull’effetto che può avere sullo sviluppo e sulla crescita ascoltare due o più lingue. Ai partecipanti sono state quindi mostrate due foto affiancate, ed i ricercatori hanno scoperto che i bambini che provengono da famiglie bilingue tendono a spostare l’attenzione da una foto all’altra più frequentemente rispetto a quelli di famiglie monolingue. Ciò – secondo gli autori – suggerisce che questi bambini sono più propensi ad esplorare il loro ambiente.

Lo studio ha anche scoperto che quando veniva mostrata una nuova immagine sullo schermo, i bambini delle case bilingue reindirizzavano la loro attenzione verso la nuova foto più velocemente del 33% rispetto a quelli che vivono in case in cui si parla una sola lingua.

Gli ambienti in cui si parlano due lingue possono essere più vari e imprevedibili rispetto agli ambienti monolingue. Sappiamo che i bambini possono facilmente acquisire più lingue, quindi abbiamo voluto indagare il modo in cui gestiscono la situazione. La nostra ricerca suggerisce che i bambini nelle case bilingue si adattano al loro ambiente più complesso cercando informazioni aggiuntive.

Gli autori dello studio intendono adesso scoprire se il passaggio di attenzione più rapido e frequente possa avere degli effetti nel comportamento dei bambini durante lo sviluppo e in età adulta.

via | ScienceDaily
Foto di Daniela Dimitrova da Pixabay

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog