Benessereblog Salute Corpo Crampi allo stomaco e nausea: le cause e i rimedi più efficaci

Crampi allo stomaco e nausea: le cause e i rimedi più efficaci

Cosa fare in caso di crampi dolorosi allo stomaco e di forte nausea? Quali sono le cause di tali disturbi?

Crampi allo stomaco e nausea: le cause e i rimedi più efficaci

Crampi e dolori allo stomaco, nausea e altri disturbi simoli possono essere provocati da diverse cause. Tra i fattori principali abbiamo ad esempio un’intossicazione da cibo, un’infezione da batteri contenuti proprio negli alimenti che abbiamo ingerito, tossinfezioni e altri disturbi a livello gastrointestinale.

I sintomi di queste patologie e di questi disturbi possono manifestarsi sin da subito: si comincia con nausea e vomito, con crampi e dolori addominali, dolori allo stomaco, diarrea. Disturbi che possiamo portarci avanti anche per qualche giorno e che possono essere curati con rimedi naturali o con farmaci specifici.

I visur che possono causare infezioni a livello gastrointestinale, che provocano anche crampi allo stomaco e nausea, sono il rotavirus, l’adenovirus, il calicivirus, l’astrovirus. Questi virus si trasmettono con il contatto con persone già malate, con l’aria e mangiando cibi contaminati.

All’insorgenza dei primi sintomi bisogna subito contattare il medico, che anche attraverso alcuni esami diagnosticherà la patologia e vi proporrà la cura più adatta. I sintomi possono essere alleviati curando bene l’alimentazione (e non solo durante la patologia, anche per prevenire e cercare di evitare il contagio): cibi secchi e leggeri (come ad esempio riso condito semplicemente con olio, pane), tanta acqua (soprattutto in caso di disidratazione), niente formaggio, alcol o caffè finché durano i sintomi.

Tra i farmaci che si possono prendere per cercare di ridurre un po’ i sintomi, abbiamo medicinali anti nausea, antiemetici e antidiarroici in caso di diarrea. Anche degli antidolorifici sono consigliati se i crampi allo stomaco si fanno dolorosi. Ma è sempre meglio chiedere al proprio medico se è il caso o meno di assumerli, soprattutto se si stanno seguendo altre cure e altre terapie.

Via | Stitichezza

Foto | Flickr

Le informazioni riportate su Benessereblog sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Carbone vegetale, a cosa serve
Corpo

Da rimedio anti-gonfiore, il carbone vegetale è oggi diventato un ingrediente per pane, maschere di bellezza e dentifrici: questo rimedio naturale è conosciuto da molto tempo come trattamento per ridurre il gas intestinale, ma il carbone vegetale può essere usato anche per trattare intossicazioni e altri disturbi. Il rimedio va assunto per non più di 7 giorni e solo in casi particolari.