Caduta dei capelli, ecco tutti i falsi miti

caduta dei capelli

Quando si parla di caduta dei capelli i falsi miti sono ancora tanti. A svelare le fantasie ancora radicate nell'immaginario degli italiani sono i dermatologi che si sono riuniti durante il 2° Congresso Internazionale di Dermatologia, promosso a Milano da IHRF, la fondazione di ricerca per la patologia sui capelli.

Le errate convinzioni su quali siano i fattori che promuovono la perdita dei capelli sono emerse da un'indagine condotta proprio da IHRF a partire dallo scorso mese di novembre. Grazie alla collaborazione di 120 dermatologi sparsi su tutto il territorio nazionale è stato possibile coinvolgere nell'indagine 380 pazienti di età compresa tra i 22 e i 65 anni e scoprire che il 31% degli italiani è ancora convinto che lavare troppo spesso i capelli ne favorisca la perdita, mentre il 18% incolpa l'uso eccessivo di pettine e spazzola e il 16% cappelli o caschi, soprattutto quelli da moto. Ma la credenza popolare non si ferma qui.

Il 12% degli intervistati crede che anche tinte e permanenti favoriscano la caduta, mentre il 9% è convinto che le diete non danneggino i capelli. Convinzioni, anche queste, del tutto sbagliate. Fabio Rinaldi, presidente IHRF, spiega infatti che

persistono ancora delle erronee credenze. Ad esempio quella sui supposti danni derivanti da frequenti lavaggi: se sono effettuati con prodotti di qualità e conformi alle direttive sanitarie, possono al massimo portare ad una disidratazione e secchezza del cuoio capelluto, ma in realtà la perdita di capelli è per lo più da ricondurre a questioni e a ragioni genetiche.

Da abbattere anche il falso mito su cappelli, berretti e caschi, al massimo i capelli si possono spezzare se i copricapo risultano essere troppo stretti ma non sono certo la causa della caduta. Come invece è vero che alcuni regimi dietetici, soprattutto quelli fai da te, che prevedono un consumo sotto le 1.000 calorie al giorno, possono invece influire negativamente sui capelli e causare la loro caduta.

Le possibili cause della perdita dei capelli sono, in realtà, ben diverse: dall'ereditarietà alle carenze alimentari, a stress, problemi ormonali, medicinali, infezioni e trattamenti al botox eseguiti in modo non idoneo. Tra le soluzioni più efficaci e innovative è inclusa la PRP (Platelet Rich Plasma), una tecnica, spiega Rinaldi,

che consiste nel prelievo e centrifuga del proprio plasma sanguigno e la sua applicazione nelle zone di caduta.

Il futuro, invece, sarebbe nella terapia cellulare. Nell'attesa, meglio non perdere tempo cercando di lottare contro nemici immaginari.

Via | Comunicato stampa
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail