Psicofarmaci a un bambino per curare un’emicrania!

Psicofarmaci a un bambino per curare un’emicrania!

La disinvolta medicalizzazione dei problemi dell’infanzia non pare sia più un problema solo americano. Sempre più numerosi sono i segnali in direzione della ricerca della ‘scorciatoia’ e della ‘soluzione facile’ anche nel nostro paese. La redazione di Giù le Mani dai Bambini ha deciso di pubblicare, con il consenso degli interessati, la lettera di una […]

La disinvolta medicalizzazione dei problemi dell’infanzia non pare sia più un problema solo americano. Sempre più numerosi sono i segnali in direzione della ricerca della ‘scorciatoia’ e della ‘soluzione facile’ anche nel nostro paese.

La redazione di Giù le Mani dai Bambini ha deciso di pubblicare, con il consenso degli interessati, la lettera di una famiglia italiana nella quale si documenta la somministrazione di un potente antidepressivo ad un bambino per la cura…di un’emicrania! Ne riportiamo uno stralcio:

“…non siamo piu tornati in quel centro cefalea pediatrico dove avevano prescritto il Laroxyl (un potente antidepressivo, ndr) a nostro figlio Alessandro, e non  gli  abbiamo  più  dato  nessuna  medicina.  Ebbene,  dopo  aver  impostato  delle correzioni  nei  nostri  comportamenti  come  genitori,  Alessandro  è  da  un  anno  che non ha quei terribili attacchi di cefalea che duravano in maniera continuativa anche tre  mesi! […] Se non fosse per Voi Alessandro sarebbe imbottito di Laroxyl esattamente da 14 mesi, e già siamo addolorati perchè ha preso questa medicina fino a agosto 2009 (dopo abbiamo buttato tutto)…”

Lo scambio epistolare completo qui.

@ Per quesiti e approfondimenti scrivi all’autore

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog