Suina: primi test per il vaccino, scettici gli operatori sanitari

Suina: primi test per il vaccino, scettici gli operatori sanitari

Effettuati in sole tre settimane, dal 22 luglio al 15 agosto, i test sul vaccino A/H1N1 da un’azienda cinese: la Sinovac Biotech. I 1614 volontari che hanno partecipato al trial clinico non hanno manifestato, secondo il comunicato stampa diffuso in questi giorni, sintomi negativi a parte un po’ di dolore sulla zona dell’iniezione e leggera […]

Effettuati in sole tre settimane, dal 22 luglio al 15 agosto, i test sul vaccino A/H1N1 da un’azienda cinese: la Sinovac Biotech.

I 1614 volontari che hanno partecipato al trial clinico non hanno manifestato, secondo il comunicato stampa diffuso in questi giorni, sintomi negativi a parte un po’ di dolore sulla zona dell’iniezione e leggera febbre.

Pronti quindi a partire con la supervaccinazione globale? Pare di sì, ma non mancano i dubbi sui rischi e sull’effettiva utilità della profilassi tra gli stessi addetti ai lavori.

Un sondaggio inglese ha rilevato che solo un operatore, infermieri e medici inclusi, su tre si vaccinerà e alcuni non risparmiano forti critiche ai vertici sanitari.

Arthur Schafer, scienziato canadese, avverte che si stanno effettuando test soltanto sugli effetti collaterali a breve termine dei vaccini, non quelli a lungo termine, mancando il tempo materiale da qui a settembre, quando milioni di persone inizieranno ad essere inoculate (leggi i dettagli qui).

Oltretutto il vaccino coprirà solo la prima ondata di influenza suina, non quelle che seguiranno in pieno inverno probabilmente più forti e fastidiose. Ma cosa importa? Intanto Big Pharma per l’epoca avrà già incassato miliardi di dollari.

Image courtesy bargaineering.com

@ Per quesiti e approfondimenti scrivi all’autore

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog