Minerali: quanti e quali?

Minerali: quanti e quali?

Quando si parla di minerali contenuti negli alimenti, difficilmente si va oltre il classico elenco di potassio, sodio, calcio, ferro, fosforo e pochi altri.  Si tratta indubbiamente di elementi strutturali indispensabili al corpo umano ma i minerali presenti nel nostro organismo sono ben più numerosi. I minerali fanno parte dei principi alimentari inorganici perché non […]

Quando si parla di minerali contenuti negli alimenti, difficilmente si va oltre il classico elenco di potassio, sodio, calcio, ferro, fosforo e pochi altri.  Si tratta indubbiamente di elementi strutturali indispensabili al corpo umano ma i minerali presenti nel nostro organismo sono ben più numerosi.

I minerali fanno parte dei principi alimentari inorganici perché non conten­gono carbonio come gli zuccheri, i grassi e le proteine. Nel corpo umano, sono presenti in forma di sali oppure in forma di ioni (atomi o gruppi di atomi aventi carica elettrica positiva o negativa) liberi, circolanti nei liquidi organici.

Le ricer­che di questi ultimi anni hanno messo in evidenza l’importanza o l’essenziali­tà di una serie consistente di oligoelementi: alluminio, antimonio, cobalto, manganese, rame, zinco, molibdeno e diversi altri ancora. Il ruolo dei minerali-traccia è quello di parte­cipare, con una funzione regolatrice e catalizzatrice, all’attività degli ormoni e degli enzimi, svolgendo perciò un compito com­plementare a quello delle vitamine.

@ Per quesiti e approfondimenti scrivi all’autore

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog