In vino… – II

In vino… – II

Accennavamo nel post precedente alle molecole contenute nel vino che hanno anche proprietà nutriterapiche. Tra queste, due soprattutto si sono rivelate di particolare importanza per la salute: le procianidine e il resveratrolo. Le procianidine sono dei potenti polifenoli vasoattivi che rendono il vino rosso – ovviamente se di buona qualità e consumato nelle giuste dosi […]

Accennavamo nel post precedente alle molecole contenute nel vino che hanno anche proprietà nutriterapiche. Tra queste, due soprattutto si sono rivelate di particolare importanza per la salute: le procianidine e il resveratrolo.

Le procianidine sono dei potenti polifenoli vasoattivi che rendono il vino rosso – ovviamente se di buona qualità e consumato nelle giuste dosi – cardioprotettivo. Per provarlo scienziati britannici hanno coltivato cellule endoteliali vascolari e le hanno esposte a 165 differenti vini, identificando le procianidine come il costituente fenolico responsabile dell’effetto salutare su sistema cardiovascolare.[1] I ricercatori hanno anche osservato che le persone che risiedono nella provincia di Nuoro e nel sud della Francia, regioni i cui vini sono particolarmente ricchi di quel componente, hanno una vita media più lunga.

Recentemente il resveratrolo, già noto per le sue proprietà di prevenzione dell’aterosclerosi e delle neuropatie tra cui anche l’Alzheimer, ha dimostrato anche un effetto inibitorio sulla formazione di tumori indotti da sostanze cancerogene negli animali da esperimento e sembra che, con l’approfondirsi degli studi, si prospettino scoperte su ulteriori azioni salutari di questa sostanza.

———————————
1. Corder R et al. Oenology: Red wine procyanidins and vascular health. Nature, 566 * 30 novembre 2006

@ Per quesiti e approfondimenti scrivi all’autore

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog