Arriva dalla Sardegna il pecorino anti-colesterolo

pecorino anti-colesterolo

Si chiama “Salute e Bontà” e altro non è che il pecorino anti-colesterolo, il formaggio di pecora pensato appositamente per chi, soffrendo di problemi cardiovascolari, dovrebbe limitare l'assunzione di latticini. Le sue proprietà benefiche e salutari sono state dimostrate da uno studio pubblicato sul British Journal of Nutrition in cui i ricercatori delle Università di Cagliari e di Pisa, insieme agli esperti dell'Azienda Ospedaliera G. Brotzu e della ASL 8 del capoluogo sardo e ad Argiolas Formaggi, industria casearia di Dolianova (CA), hanno dimostrato che il suo consumo riduce del 7% i livello di colesterolo in pazienti sovrappeso e con problemi di ipercolesterolemia.

A rendere questo formaggio adatto anche alle diete a basso contenuto di colesterolo è la presenza, al suo interno, degli acidi grassi omega 3 e CLA (acido linoleico coniugato), di cui questo pecorino è arricchito in modo naturale, alimentando le pecore con pascoli di alta qualità. Non solo, i produttori assicurano che al loro interno sono presenti elevate quantità di proteine di alta qualità, mentre sono assenti sia additivi aggiunti, sia conservanti.

L'arrivo sul mercato di questo formaggio risolve i problemi degli amanti del formaggio che fino ad oggi si sono visti costretti a ridurne le quantità da mettere nel piatto a causa dei grassi in essi contenuti, acerrimi nemici della salute cardiovascolare. Partendo dal fatto che agendo sull'alimentazione delle pecore è possibile aumentare le quantità di ALA (acido alfa-linolenico, un omega 3) e CLA nel latte a discapito di quelle degli acidi grassi saturi dannosi per la salute, i ricercatori hanno voluto verificare se il formaggio prodotto con questo latte potesse modificare i livelli di lipidi nel sangue di chi soffre di colesterolo alto.

Per questo motivo gli esperti hanno chiesto a 42 volontari (19 uomini e 23 donne) con problemi di lieve ipercolesterolemia di mangiare per 3 settimane 90 grammi al giorno di pecorino “Salute e Bontà” o di un formaggio di controllo. Dopo altre 3 settimane durante le quali i partecipanti non hanno assunto nessuno dei due formaggi, i due gruppi hanno ripetuto l'esperimento scambiandosi il tipo di formaggio.

La misurazione dei lipidi presenti nel sangue dei volontari ha dimostrato che mangiare il pecorino “Salute e Bontà” permette di aumentare i livelli di CLA, ALA ed EPA (un altro importante omega 3 che l'organismo umano può produrre a partire dall'ALA). D'altra parte, il formaggio arricchito riduce del 7% i livelli di colesterolo LDL, quello considerato “cattivo”.

Non solo, i ricercatori hanno anche scoperto che il formaggio anti-colesterolo riduce la sintesi degli endocannabinoidi, molecole coinvolte nel controllo del metabolismo.

Sulla base di questi risultati Argiolas garantisce che il pecorino anti-colesterolo

contribuisce al riequilibrio metabolico

e

aiuta a mantenersi in forma.

L'azienda ha presentato ufficialmente il suo prodotto ad ottobre durante il Salone del Gusto di Torino. Dallo scorso 5 novembre il formaggio è disponibile anche in negozi e supermercati (per ora a Dolianova, Cagliari, Sassari, Pula, Varese e in Inghilterra, presso Alivini, leader nell'importazione di prodotti “made in Italy”).

Via | Ansa; Argiolas formaggi
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail