Farmaci e pompelmo, pubblicata la lista delle interazioni pericolose

pompelmo

Medicina e tradizione ci hanno insegnato che il pompelmo, l'arancio e gli altri agrumi sono preziosi alleati della salute. Basta pensare al loro contenuto di vitamina C, utile più che mai in questo periodo per contrastare il raffreddore. Uno di questi frutti, però, nasconde un insidia. Infatti il pompelmo può aumentare l'effetto di alcuni farmaci e, quindi, i rischi associati alla loro assunzione.

Oggi i rischi possono essere ridotti al minimo grazie a David Bailey, farmacologo del Lawson Health Research Institute (Canada) che più di 20 anni fa ha svelato l'esistenza di questo effetto. L'esperto ha pubblicato online la lista degli 85 farmaci il cui assorbimento potrebbe essere alterato dal pompelmo. Chi li assume dovrebbe fare attenzione alla comparsa di effetti collaterali in corrispondenza all'assunzione del pompelmo e, a volte, farebbe bene a rinunciare totalmente a questo frutto.

L'aumento dell'assorbimento dei farmaci è causato dall'azione del pompelmo su un enzima intestinale, noto come CYP3A4, che in circostanze normali inattiva parte dei farmaci che devono essere assorbiti. E' proprio inattivando CYP3A4 che il pompelmo fa sì che una quantità maggiore di farmaco riesca ad arrivare nel sangue.

Tuttavia, non è ancora nota la frequenza di casi di questo tipo. Bailey ha, però, sottolineato che

anche se la frequenza è bassa, le conseguenze possono essere disastrose.

Infatti nel caso di 43 degli 85 farmaci inclusi nella lista l'effetto dell'interazione con il pompelmo può addirittura arrivare a mettere a rischio la vita, ad esempio accelerando il battito cardiaco (come nel caso di alcuni antitumorali e di alcuni farmaci per la salute cardiovascolare) o compromettendo fatalmente la funzionalità respiratoria (come nel caso della combinazione pomplemo-metadone).

Agli amanti del pompelmo non resta che studiare la lista di Bailey e verificare quali sono gli effetti collaterali dell'assunzione di quantità troppo elevate del farmaco di interesse, rinunciando al frutto se i rischi per la salute sono troppo alti. Se il farmaco deve essere assunto solo per un breve periodo, meglio non correre rischi e riprendere a mangiare pompelmo solo alla fine della cura. In generale, è sempre meglio non esagerare: se è vero che frutta e verdura fanno bene, mangiare solo pompelmo non è di certo salutare.

Via | New York Times
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail