Disponibile anche in Italia il cerotto che si rimuove senza dolore

cerotto al silicone

Non è passato molto tempo da quando abbiamo parlato del cerotto senza lacrime, una soluzione pensata dai ricercatori del MIT (Massachussets Institute of Technology) soprattutto per non danneggiare la pelle delicata dei bambini nati prematuri. L'idea di non farsi male quando arriva il momento di togliere cerotti e bendaggi vari è, però, piacevole per chiunque. Oggi questo desiderio potrebbe essere soddisfatto dall'arrivo sul mercato italiano di quello che viene definito dai suoi produttori il “primo cerotto a rimozione delicata”.

Si chiama 3M Kind Removal Silicone Tape e promette una lunga tenuta pur permettendo uno strappo “efficace e indolore” senza che vengano rimossi peli o pelle. Queste proprietà sarebbero garantite dal particola tipo di adesivo utilizzato, diverso da quelli tradizionali. Si tratta, infatti, di uno strato a base di silicone.

I problemi associati ai normali cerotti sono dovuti al fatto che la pelle non è liscia, ma ha una superficie irregolare alla quale i classici cerotti con adesivo a base di acrilato fanno fatica ad aderire. In pratica, inizialmente cerotti di questo tipo si attaccano solo alle parti più superficiali della pelle e solo con il passare del tempo l'adesivo penetrerà negli avvallamenti dell'epidermide e si attaccherà ai peli, aumentando l'adesione e, quindi, il dolore associato alla rimozione. Lo strappo, infatti, porta con sé un po' di pelle e di peli.

L'adesivo in silicone, già sperimentato in cerotti ad uso chirurgico, riesce invece ad aderire meglio alle irregolarità della pelle subito dopo essere stato applicato. Per questo motivo non tende a spostarsi e la sua rimozione non provoca dolore o danni all'epidermide.

Già utilizzato negli ospedali, il cerotto permette di fissare garze, bendaggi e medicazioni e, come quello messo a punto al MIT, è ideale per la pelle delicata dei bambini. Nulla vieta, però, che tutti i membri della famiglia possano utilizzarlo.

Via e Foto | Comunicato stampa

  • shares
  • Mail