Verde, nero, oolong: ecco il tè che protegge dal cancro all'ovaio

cancro all'ovaio

Ricerca dopo ricerca, il tè continua a svelare le sue proprietà salutari. L'ultima scoperta riguarda il cancro all'ovaio, meno frequente in chi ama questa bevanda. La notizia arriva dalla Curtin University (Australia), dove Dada Su ha analizzato i dati relativi a 500 pazienti con carcinoma epiteliale all'ovaio e 500 donne non affette da questa forma di tumore che hanno risposto a un questionario sul consumo di tè.

Già in passato avevamo parlato dei benefici nascosti di questa bevanda. Quello verde, ad esempio, aiuta a bruciare i grassi, contrasta l'accumulo del colesterolo e protegge dal cancro al seno, mentre di quello nero si sa che è un'arma efficace contro diabete e obesità. Quello rosso, invece, contrasta l'invecchiamento cellulare grazie al suo elevato contenuto di antiossidanti. Per quanto riguarda il cancro all'ovaio, ad esercitare un'azione protettiva sarebbero sia il tè verde e nero, sia l'oolong (conosciuto anche come tè blu o tè qing), una qualità semiossidata prodotta in Cina e a Taiwan.

Il nuovo studio ha svelato che fra le donne affette da cancro all'ovaio il numero di amanti del tè era inferiore rispetto a quello rilevabile fra le donne che non hanno questa forma di tumore. Allo stesso modo, le donne sane ne consumavano maggiori quantità.

Questi dati suggeriscono che un consumo regolare di tè è associato a una riduzione del rischio di cancro all'ovaio. Andy Lee, responsabile della ricerca condotta da Su, ha sottolineato che l'effetto è di tipo dose-risposta:

non si tratta solo di per quanto tempo di beve il tè, ma anche della sua qualità e della frequenza di assunzione. Perciò tante più tazze se ne bevono e tanto maggiore è la quantità di tè che si beve, tanto migliore è il risultato.

Per il momento i meccanismi alla base di questo effetto restano sconosciuti. Il prossimo obiettivo dei ricercatori è verificare se il consumo di tè può anche aumentare l'aspettativa di vita delle pazienti affette da cancro all'ovaio.

Via | Science Network Western Australia
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail